Juventus: aumento di capitale, titolo crolla del 6%

Davanti ai risultati negativi di giugno, il club torinese ha annunciato una ricapitalizzazione che ha fatto precipitare le quotazioni in Borsa

Fonte: bloomberg

Crollo in Borsa per le azioni della Juventus, che segna oggi un calo del 6%. La notizia segue l’annuncio di un aumento di capitale di 300 milioni di euro, al fine di sostenere gli investimenti sulla squadra, la strategia commerciale e la struttura patrimoniale del gruppo - quest’ultima particolarmente provata dagli investimenti del 2018-19. Le azioni della Juventus sono così scese ai nuovi minimi da maggio, a 1,27 euro.

Quali conseguenze sulla Borsa?

A Piazza Affari il Ftse Mib scende dello 0,62%. In perdita del 2% Exor, che detiene il 63,77% del capitale di Juventus (oltre ad essere azionista di maggioranza anche di FCA - Fiat Chrysler Automobiles, Ferrari, e CNH Industrial) e ha sottoscritto l’aumento per la propria quota di pertinenza (190 milioni di euro). Le banche che partecipano all’operazione sono Bnp Paribas, Goldman Sachs International, Mediobanca e UniCredit, in qualità di Joint Global Coordinators e Joint Bookrunners.

Perché l’aumento è necessario?

Il consiglio d’amministrazione del club ha annunciato l’operazione di ricapitalizzazione venerdì, programmandola per il prossimo 24 ottobre. La decisione segue gli ingenti investimenti degli ultimi anni, che a giugno hanno portato il conto del club in rosso, a meno 39,9 milioni di euro. I debiti finanziari netti sono balzati del 50%, toccando 463,5 milioni. Davanti ai risultati pubblicati a giugno, il cda non ha potuto che piegarsi all’aumento di capitale (ipotesi esclusa fino a pochi mesi fa): i debiti finanziari netti ammontano a 14,86 volte il patrimonio netto, passato da 72 a 31,2 milioni.

Si tratta del secondo bilancio consecutivo in rosso. Le perdite (19,23 milioni) sono raddoppiate rispetto allo scorso anno, complice anche l’ingaggio di Cristiano Ronaldo e la necessità di ammortizzarne il costo – 115 milioni, a cui ne vanno aggiunti 60 annui di stipendio. I debiti sono aumentati di anno in anno: da 309,8 milioni del 2018 (più 90,7% rispetto all’anno precedente) a 463,5 nel 2019 (più 50%). Quanto ai ricavi, invece, si registra sì una crescita di circa il 15%, equivalente a 464,27 milioni di euro – che arriva a 621,5 milioni, considerando anche le plusvalenze -; ma, a fronte della perdita di 39,9 milioni di euro, il disavanzo rispetto all’anno passato ammonta comunque a 19 milioni.

Le prospettive future

La manovra di rifinanziamento, per quanto abbia indebolito il titolo in borsa, mira all’implementazione di un piano di sviluppo pluriennale 2019-24. Tuttavia, in considerazione anche dell’andamento della Champions e dell’aumento del costo del personale (passato da 259 a 327,75 milioni), il cda del club torinese ha previsto un bilancio in perdita anche nelle stime di giugno 2020.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.