Intesa-Ubi: Car rifiuta offerta di scambio, quotazioni in leggero ribasso

“Ostile, non concordata, non coerente coi valori impliciti e dunque inaccettabile”: così gli azionisti dell’istituto lombardo rigettano la proposta. Azioni in leggera flessione

Per il Consiglio degli Azionisti di Riferimento (Car) di Ubi Banca, l’offerta pubblica di scambio avanzata lunedì da Intesa Sanpaolo è “ostile, non concordata, non coerente coi valori impliciti di Ubi e dunque inaccettabile”. È quanto comunicato dal patto di consultazione degli azionisti, riunitosi stamattina per valutare la proposta.

Per gli azionisti del Car - fondazioni e famiglie imprenditoriali che, insieme, detengono circa il 17,8% delle azioni dell’istituto lombardo -, la priorità è quella di tutelare i loro investimenti di medio-lungo periodo e la banca “con i suoi territori di riferimento”.

Cosa ha offerto Intesa?

Il caso nasce dall’annuncio, pubblicato lunedì sera, di una proposta da parte di Intesa per lo scambio di 17 azioni ordinarie di nuova emissione ogni 10 azioni di Ubi.

Intesa aveva anche già predisposto, a tal proposito, un piano per la cessione di 400-500 filiali (principalmente in nord Italia) a Bper, così da andare incontro alla normativa antitrust che, nel caso di buon esito dell’operazione, prevede la cessione di un ramo dell’azienda. Allo stesso proposito verranno inoltre cedute alcune attività assicurative di UnipolSai.

Come ha reagito Ubi alla notizia?

La decisione di oggi arriva dopo giorni di riunioni in cui l’istituto di Victor Messiah ha cercato di prendere tempo, in attesa di capire le implicazioni dell’offerta.

La prima reazione è arrivata ieri, con la pubblicazione di una lettera aperta ai dipendenti Ubi Banca in cui il numero uno dell’istituto lombardo ha osservato come la proposta non fosse concordata e, dunque, vi fosse bisogno di tempo. “È importante sottolineare come questa operazione rappresenti, per il momento, solo una proposta che, prima di diventare progetto, dovrà passare attraverso un complesso, e per nulla scontato, iter autorizzativo delle autorità vigilanti e di approvazione da parte delle assemblee”, scrive l’ad.

Il consiglio d’amministrazione si è riunito ieri per la prima volta dall’annuncio dell’offerta, senza però far trapelate troppe informazioni – se non la possibilità che l’advisor finanziario a seguire l’operazione potesse essere Credit Suisse.

Quali sono i pro e i contro dell’operazione?

A destare perplessità ai vertici sembrano essere per lo più i rischi delle ricadute sul territorio e sulla governance.

L’operazione comporterebbe un aumento di capitale da parte di Bper pari a un miliardo di euro, dopo l’annuncio di voler acquisire circa 400-500 filiali Intesa. La notizia, al momento del lancio dell’offerta, ha provocato un ribasso del titolo di quasi sei punti percentuali.

D’altra parte in mattinata, prima della risposta di Ubi, l’amministratore delegato di Intesa Sanapaolo Carlo Messina ha osservato la buona reazione dei mercati all’indomani del lancio dell’offerta (lunedì le quotazioni Ubi Banca hanno segnato un rialzo di oltre il 27% intraday).

Sempre in mattinata, S&P ha messo sotto osservazione il giudizio su Ubi (“con implicazioni positive”, soprattutto dopo il giudizio informale positivo da parte della Banca centrale Europea).

Quale sarà il prossimo passo di Intesa?

Per Messina, i vertici di Ubi “sono liberi di decidere quel che è meglio per gli azionisti. Ci sono zero probabilità di aumentare il prezzo di offerta”, aggiunge però, dichiarando che, in caso di naufragio del piano, Intesa Sanpaolo continuerà a “portare i nostri risultati”.

Come si stanno muovendo i titoli in Borsa?

Su Piazza Affari i titoli dei due istituti di credito registrano leggeri ribassi, mentre a guadagnare è Bper. Nello specifico, le quotazioni di Intesa Sanpaolo stanno perdendo l’1,09%, scendendo a 2,57 euro per azione, mentre Ubi Banca scende dell’1,78%, arrivando a 4,25 euro.

Bene invece Bper, che sale a quota 4,22 euro (in rialzo del 2,21%), dopo essere arrivata a un massimo di 4,25 euro per azione.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri le opportunità di trading

Con IG vai long o short su oltre 17.000 mercati.

Scegli la nostra piattaforma pluripremiata per fare trading con spread ridotti su indici, azioni, materie prime e molto altro.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.