Wall Street non si ferma più!

Dopo i cali di inizio anno, il Dow Jones IA torna a un soffio dai nuovi massimi storici.

bg_dow jones
Fonte: Bloomberg

Ormai manca meno di un punto percentuale e così dopo i cali di inizio anno anche il Dow Jones tornerà a rivedere i massimi storici. Traguardi questi già raggiunti dall'S&P500 e dal Nasdaq. Wall Street dunque non risente dei dazi e prosegue indisturbata la sua corsa, confidando su una crescita sostenuta e vicina al suo massimo potenziale. Non solo dati macro. A fare da traino ai listini Usa sono anche i continui programmi di buyback delle aziende Usa, lanciati dopo la nuova riforma fiscale che continua ad riversare negli Usa i capitali detenuti all'estero.

Neanche i dazi annunciati a inizio settimana da Trump e la successiva ritorsione cinese è stata in grado di generare risk off. Il mercato è troppo forte al momento, seppur all'orizzonte continuano ad addensarsi nuvole.
Un richiamo alla prudenza potrebbe arrivare dalla Federal Reserve, che nella riunione della prossima settimana annuncerà il terzo rialzo dei tassi d'interesse dell'anno e alzerà il velo sulle nuove stime di crescita e inflazione.

Il punto cruciale è che nel breve sia la riforma fiscale che le tensioni commerciali potrebbero non avere un impatto negativo sulla crescita. Gli effetti negativi potrebbero arrivare solo nel lungo periodo.

Torniamo al Wall Street. Graficamente l'indice è proiettato per raggiungere i massimi storici tra venerdì e lunedì. L'obiettivo più importante è collocato a 27.500 punti. Prime indicazioni di debolezza si avrebbero sotto 25.750 punti, con possibili flessioni fino a 25 mila punti. E' questo il supporto strategico di breve, al di sotto del quale si aprirebbero scenari di discesa più importanti.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.