Indice FTSE Mib in recupero. Atteso l'incontro Conte-Juncker sulla manovra 2019

Tra discussioni sulla Brexit e proteste dei Gilet Gialli, la politica europea torna al centro della scena con la manovra di bilancio italiana. Domani l'incontro a Bruxelles tra il Premier del governo Lega-M5S e il presidente della Commissione Ue. Piazza Affari torna in rialzo, spinta da Prysmian, BPM e STM.

Jean Claude Juncker
Fonte Bloomberg

La cancellazione del voto sulla Brexit, rimandato a data da definirsi, ed il discorso alla nazione di Emmanuel Macron, che pare dar ragione alle rivolte dei Gilet Gialli, spostano il focus europeo sull’Italia e sul dialogo con Bruxelles per il budget 2019.

La politica europea, a conti fatti, resta al centro della scena. Intanto, la borsa di Milano recupera terreno, con un indice principale in crescita oltre il mezzo punto percentuale, dopo la performance fortemente negativa registrata ieri (-1,7%). Sul FTSE Mib hanno pesato i ribassi del settore bancario, che ha scontato le pressioni legate all’incertezza della Brexit, nonostante uno spread Btp/Bund per lo più stabile in area di 285 punti base.

Nelle scorse ore, il vice presidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis ha avvertito l'Italia che il tempo per apportare modifiche alla manovra è in scadenza; più rosea la visione del commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici, che ha evidenziato un miglioramento del dialogo con Roma, puntualizzando però come l’Unione si stia preparando in vista della possibile apertura di una procedura d’infrazione.

Da ultime indiscrezioni, la Commissione Ue starebbe puntando ad un rapporto massimo deficit/Pil italiano per l’anno 20019 pari all'1,95%, inferiore alle volontà del ministro dell’economia, Giovanni Tria, disposto a ridurre tale rapporto fino al 2% (dal 2,4% iniziale). I due partiti di Governo, Lega e M5S, hanno invece confermato la realizzazione di quota 100 e reddito di cittadinanza nei tempi e nei costi previsti.

Discussioni a parte, il termine ultimo entro il quale l’Italia dovrà presentare la manovra rivista secondo le indicazioni della Commissione Ue entro il 19 dicembre, quando si riunirà il Collegio dei commissari europei. E’ in tale sede che potrebbe esser sancito l’avvio della procedura di infrazione.

L’attenzione sui futuri risvolti della questione si sposta quindi all’incontro di domani, quando a Bruxelles il premier Giuseppe Conte incontrerà il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker. All’incontro potrebbero prender parte anche Tria e Moscovici.

In mattinata, intanto, Conte ha riferito alle Camere i principali punti in agenda in vista del Consiglio europeo del 13-14 dicembre: "Siamo nel mezzo di un confronto serrato” ha dichiarato il Presidente “che confidiamo sia leale e paritario, nell'auspicio che si possa trovare punto di equilibrio e convergenza. Resto fiducioso del buon esito".

Conte, puntualizzando la necessità di un’Europa “più equa e sicura” e di una “gestione condivisa” della questione migranti, ha concluso ribadendo “non andrò a Bruxelles con il libro dei sogni, ma con lo spettro completo del progetto riformatore del Governo: mi confronterò sui numeri".

Tra i titoli migliori di giornata a Piazza Affari, Prysmian arriva a registrare rialzi oltre il 4%, seguita dai movimenti sopra al 3% di Banco BPM e STMicroelectronics

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.