Indice DAX: nessuna risposta al warning di Draghi. Qual è il miglior titolo di Francoforte?

Germania, produzione industriale in contrazione (-1,9%). Mario Draghi (Bce) avverte sul rischio guerra commerciale. Sul paniere tedesco, bene la performance del titolo Adidas; forte calo di ThyssenKrupp e Deutsche Bank.

DAX Fonte: Bloomberg

Avvio di giornata positivo per l’indice tedesco, col DAX che apre gli scambi venerdì oltre lo 0,6%, in linea con la performance positiva delle altre principali piazze europee. Se da un lato il mercato azionario reagisce positivamente agli annunci fatti ieri dal governatore della Banca centrale europea, che continuerà ad offrire il proprio sostegno, dall’altro tra gli operatori sale la preoccupazione circa un possibile rallentamento della Germania più brusco delle attese.

Il warning di Mario Draghi: 3 rischi per la crescita

Ad aprile la produzione industriale tedesca ha registrato una nuova contrazione, attestandosi a -1,9%, al di sotto delle attese a -0,4% e ben lontano dal +0,5% del periodo precedente. Oltre a confermare il proprio supporto all’economia dell’Eurozona che ancora necessita di importanti stimoli monetari, Mario Draghi ha lanciato ieri un warning importante: dei tre principali rischi di mercato attualmente in essere, vale a dire fattori geopolitici, scivolamento delle economie emergenti (Cina in primis) e guerra commerciale, la trade war tra Washington e Pechino è quello a cui è necessario prestare maggior attenzione.

Dalle tensioni commerciali tra le principali economie del globo potrebbero infatti derivare conseguenze negative per l’Europa intera e per la sua economia chiave, la Germania, il cui settore di punta, quello automobilistico, sta attraversando un periodo complicato tra limiti alle emissioni di CO2 ed avvento dei modelli ibridi ed automatizzati. Secondo Draghi, il Vecchio Continente dovrà affrontare nel secondo e terzo trimestre di quest'anno una nuova fase di contrazione.

Dax: +14,7%. Qual è il miglior titolo dell'indice?

Rispetto ai valori odierni, l’indice tedesco ha registrato da inizio anno una performance positiva poco inferiore al +15%. Il titolo che da gennaio ha ottenuto la migliore variazioni borsistica è stato Adidas, con un +44% delle azioni. Nel primo trimestre la società dell’abbigliamento sportivo ha riportato entrate oltre le attese in crescita dell’11% ed un utile netto a +17% nonostante un rallentamento dell’attività di produzione e distribuzione in parte dell’Europa e in America del Nord. In sede di rilascio dei risultati, l’Amministratore Delegato Kasper Rorsted ha affermato che l’azienda si trova in uno dei suoi migliroi periodi, con una domanda largamente superiore all’offerta e possibilità di ulteriore espansione del business nei trimestri a venire.

A maggio, Adidas si è però unita a Nike nella richiesta di tregua agli Stati Uniti, con una lettera rivolta all’Amministrazione Trump in cui le due si sono unite all’appello corale fatto da oltre 170 società preoccupate dell’effetto dazi su scala globale.

Dax: i titoli peggiori del paniere di Francoforte

A guadagnarsi il titolo di peggiori realtà dell’indice tedesco sono invece due nomi noti del paniere di Francoforte: ThyssenKrupp, il colosso dell’acciaio (con un -22% ytd), e Deutsche Bank, il titolo peggio performante del DAX sull’intero anno 2018 (con un -14,5% ytd). Mentre il primo dei due nomi è stato travolto dalle scarse prospettive di crescita e dalle tensioni tra Stati Uniti e Cina (con quella prima tranche di dazi sull’acciaio (25%) disposta da Trump nella prima metà del 2018), sulla seconda continuano a farsi sentire le preoccupazioni circa un eccessivo livello di poste a debito, le stesse che due mesi fa portarono le alte cariche tedesce ad oprate per il nulla di fatto sul fronte M&A per la fusione tra i due primi istituti nazionali, Deutsche Bank e Commerzbank.

Analisi dell'indice DAX

A livello tecnico, le posizioni sul DAX restano ancora incerte: mentre un superamento del livello a 12.125 porterebbe nuovi ordini in acquisto, con un prosieguo del trend positivo, un ritorno sul supporto in area 11.850-11.840 potrebbe aprire per l’indice a nuovi scenari. Solo una volta bucata l’importantissima quota di 11.700 il mercato potrebbe invertire la rotta, con un segnale ribassista.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.