Indici mondiali volatili, in Europa focus sulle banche con fusione Bankia-Caixa

Avvio debole per l’Europa, oggi ultimi colpi di coda delle Banche centrali. Quotazioni sul Ftse Mib nervose, male gli industriali, Enel +0,43%. EUR/USD in rialzo a 1,18, il barile torna sopra i 40 dollari

  • Gli indici mondiali tirano le somme della settimana della Banche centrali: l’Asia chiude in rialzo, Europa volatile, contrastati i futures Usa
  • Sul Ftse Mib oggi occhio sulle azioni Enel, in rialzo di quasi mezzo punto percentuale dopo offerta Macquarie da 2,65 miliardi di euro su Open Fiber
  • Rimbalza il prezzo del petrolio, Wti a 41 dollari al barile e Brent a 43: l’Opec torna a mostrare i denti davanti a chi non collabora sui tagli alla produzione

Gli indici globali si avviano a chiudere la settimana delle Banche centrali senza eccessivo entusiasmo, in attesa degli ultimi colpi di coda: oggi parleranno il vicepresidente della Banca centrale europea, Luis De Guindos, il governatore della Banca di Spagna Hernandez de Cos e, dal primo pomeriggio, il capo economista della Bank of England Haldane, Schnabel della Bce e, infine, il presidente della Fed di St. Louis Bullard e quello della Fed di Atlanta Bostic.

Attesi dunque movimenti sul fronte valutario, dove nelle ultime ore l’euro è tornato a farla da padrone, in rialzo rispetto al dollaro a 1,1860 mentre verso la sterlina viaggia (leggermente in ribasso rispetto ai giorni scorsi) a 0,9138.

Come hanno aperto la giornata gli azionari europei?

A mezz’ora dall’apertura gli indici europei viaggiano in zona rossa. Guida i ribassi il Cac40 di Parigi a – 0,28%. Seguono la Borsa di Londra, che perde lo 0,25%, mentre ilDax avanza di 0,10 punti percentuali e il Dax di Milano guadagna lo 0,2%.

In programma oggi i dati macro sulle vendite al dettaglio di agosto nel Regno Unito (-2,8% anno su anno, +0,8% mese su mese) e l’indice tedesco dei prezzi alla produzione relativo allo stesso mese (-1,2% rispetto al 2019, invariato mese su mese rispetto al rialzo dell’1,2% di luglio).

Oggi focus sul settore bancario dopo che, in Spagna, Caixa Bank e Bankia si avviano alla fusione, dando così vita al primo gruppo del paese – più grande anche di Santander o Bbva.

Quali le migliori azioni sul Ftse Mib oggi?

Le azioni Diasorin al momento si confermano le migliori sull’indice di Milano, in rialzo del 3,1% a 163 euro l’una. Seguono le Nexi a +2,29%, occhi puntati invece sugli industriali, in difficoltà: Pirelli perde lo 0,71% e scende a 3,92 euro per azione, Leonardo segna un calo del 2,13% a 5,6euro.

Giù anche le azioni Fiat-Chrysler, -1,71% (ma senza scendere sotto i 10 euro), con la Commissione europea che starebbe valutando una proroga sulla decisione circa la fusione tra Fca e Psa. Nel frattempo, gli azionisti di Fca e Peugeot hanno stabilito un lock-up sulle proprie azioni in Faurecia per sei mesi dal completamento della distribuzione della partecipazione del 46% detenuto da Groupe Psa a tutti gli azionisti della società che nascerà dal merger.

Attenzione anche alle azioni Enel dopo che, ieri, il fondo Macquarie Infrastructure & Real Assets (Mira) ha presentato un'offerta vincolante per l'acquisto del 50% del capitale di Open Fiber posseduto dal gruppo elettrico da 2,65 miliardi di euro, al netto dell’indebitamento. Al momento le azioni Enel viaggiano in rialzo dello 0,84%, a 7,44 euro l’una.

Fuori dal listino principale le azioni Juventus perdono lo 0,30% e scendono a 0,93 euro dopo l’annuncio della risoluzione consensuale del contratto con Gonzalo Gerardo Higuain. La conclusione si tradurrà in un effetto economico negativo sull'esercizio 2019/2020 pari a 18,3 milioni "per effetto della svalutazione del valore residuo del calciatore". Il Cda si riunirà quindi oggi per esaminare il nuovo progetto di bilancio d'esercizio per tenere conto del suddetto effetto economico negativo.

Come si prospetta la giornata per gli azionari di Wall Street?

In mattinata i futures Usa viaggiano contrastati, dopo lo scivolone di ieri in chiusura. Gli scambi sul Dow Jones segnano cali dello 0,54%, quelli sull’S&P 500 scendono dello 0,10% mentre viaggiano in rialzo solo i futures sul Nasdaq, che avanza dello 0,24%.

Pesano ancora le decisioni senza mordente della Federal Reserve statunitense, seguite a stretto giro dalla Bank of England e dalla Bank of Japan, ieri. Attesi oggi i dati macro sulla fiducia dei consumatori Usa.

Sul fronte valutario il dollaro torna ad indebolirsi contro l’euro e soprattutto contro lo yen: il cross USD/JPY nelle ultime ore è sceso infatti a quota 104,560, al minimo dallo scorso 31 luglio.

Buone notizie invece sul prezzo del petrolio. Il greggio torna infatti a rinforzarsi dopo che l’Opec ha annunciato di voler prendere provvedimenti nei confronti dei paesi membri che continuano a non voler allinearsi ai tagli alla produzione (5,5 milioni di barili al giorno, da agosto). Da ieri il Wti ha riguadagnato lo 0,61%, tornando a 41,22 dollari al barile, mentre il Brent viaggia a 43,57 dollari, in rialzo dello 0,62%.

Come si è chiusa la giornata sui mercati asiatici?

Con un occhio allo yen sempre più forte, dopo una BoJ particolarmente pessimista, la Borsa di Tokyo si avvia al lungo week end di pausa (resterà chiusa lunedì e martedì) in area positiva, con il Nikkei in rialzo dello 0,18% mentre il più ampio indice Topix avanza dello 0,49%.

Bene anche la sessione di scambi in Cina, dove in chiusura Shanghai guadagna il 2,07%, Shenzhen l’1,77% e il China A50 balza del 2,63%. In rialzo anche il resto degli indici asiatici, con il Kospi coreano a +0,26% e la Borsa di Hong Kong a + 0,20%.

Trading con i Turbo24

Apri un conto gratuito Turbo24 o aggiungi un conto Turbo24 sul tuo account IG: avrai la possibilità di fare trading 24 ore al giorno con un prodotto quotato e regolamentato, che ti consentirà di avere il pieno controllo del rischio e della leva finanziaria. Scopri la nuova guida e inizia subito la tua attività di trading.

Vuoi iniziare a fare trading su indici, forex o materie prime? Apri un conto reale o mettiti alla prova con un conto demo su IG in pochi passi:

  1. Crea un contro IG o accedi a un conto già esistente
  2. Inserisci il nome del prodotto su cui vuoi fare trading nella barra di ricerca
  3. Scegli la size della tua posizione
  4. Clicca su “buy” o “sell” nella piattaforma
  5. Conferma l’operazione

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri i primi certificati turbo al mondo quotati H24

  • Trading 24 ore su 24 ore e zero commissioni
  • Prodotto quotato e accesso trasparente al book degli ordini
  • Leva e rischio adatti a ogni tua esigenza

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.