Indici mondiali in rialzo, in arrivo pacchetto di misure fiscali per economia Usa

L’ottimismo degli Usa si riflette su Asia ed Europa, con gli indici azionari che confermano le riprese di ieri davanti alla prospettiva di aiuti fiscali per la prima economia del mondo

Dopo giorni di dibattito, le misure fiscali di supporto alle famiglie e imprese Usa sono ufficiali. L’accordo, raggiunto ieri tra i membri del Congresso e quelli dell’amministrazione Trump, include 500 miliardi in liquidità per le imprese, 350 miliardi per il supporto alle pmi e 250 miliardi in assegni di disoccupazione, oltre a fondi stanziati per ospedali e per il sistema sanitario in generale. È atteso per oggi il voto al Senato, seguito subito dopo da quello alla Camera.

Cosa accadrà nel medio-lungo termine, invece, è ancora un mistero. Il presidente Usa Donald Trump preme ancora per una riapertura totale delle attività entro la metà di aprile, ma è ancora presto per capire come si evolverà il contagio negli Stati Uniti dove, ad oggi, si contano oltre 50 mila casi e 784 vittime.

Come hanno reagito gli indici Usa?

Alla notizia del pacchetto di stimoli fiscali, ieri in chiusura Wall Street è schizzata a una velocità che non si vedeva dagli anni Trenta: il Down Jones ha guadagnato l’11,37%, il Nasdaq l’8,12% e l’S&P 500 il 9,38%.

La notizia completa infatti le misure di politica monetaria implementate dalla Federal Reserve, che martedì ha annunciato un piano di acquisti illimitato di Treasuries, senza scadenza, fino a quando (stando alle dichiarazioni del Fomc) l’economia statunitense non ne avrà bisogno.

Rileva inoltre l’impatto di tali notizie sull’andamento del dollaro che, nelle ultime ore, si è indebolito rispetto alle valute straniere (euro e sterlina; al momento, resta ancora leggermente più forte dello yen), lasciando intuire buone prospettive dal punto di vista commerciale.

Come hanno chiuso le Borse asiatiche?

L’annuncio si è tradotto in rapidi guadagni anche per i listini asiatici. D’altra parte, già ieri le Borse orientali avevano segnato notevoli rialzi, soprattutto in Giappone, dove la Bank of Japan ha annunciato un massiccio acquisto di EFT, che ha permesso agli investitori di tirare un sospiro di sollievo. Alla chiusura della sessione asiatica, il Nikkei ha segnato un rialzo dell’8,13%, il Topix del 6,87%.

Buone notizie in arrivo anche dalla Cina, dove invece l’emergenza coronavirus sembra ormai sempre più un ricordo. Ancora è presto per tornare alla normalità (la città di Wuhan, dove si è sviluppato i focolaio della pandemia, resterà in lockdown fino allo8 aprile), ma la lenta riapertura della provincia dell’Hubei – e il graduale ritorno in attività della produzione industriale – bastano per ridare fiducia alle Borse: stamattina, Shanghai ha chiuso in rialzo del 2,17%, Shenzhen a +3,22% e China A50 a +2,75%.

Quali notizie sul lato materie prime?

Fallisce il rimbalzo il prezzo dell’oro, che attualmente quota a 1.600 dollari l’oncia – per quanto si tratti di un notevole rialzo rispetto ai giorni scorsi, quando il panic-selling sui mercati aveva provocato un crollo fino a 1.451,28 dollari l’oncia (il minimo da metà novembre).

Stenta a decollare anche il petrolio, che supera di poco i 25 dollari al barile (il Wti) e manca la soglia psicologica dei 30 (il Brent quota attualmente a 29,79 dollari al barile).

Come stanno reagendo gli indici europei?

In Europa, le Borse tengono i rialzi di ieri. L’annuncio del pacchetto fiscale Usa traina al rialzo anche le piazze europee, con Milano che segna guadagni del 3,41%, Londra +2,41%, Francoforte +3,03% e Parigi +2,93%.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sugli indici.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17.000 mercati.

  • Spread competitivi: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Turbo24: scegli la tua leva e il rischio con un prodotto quotato, liquido e trasparente, disponibile H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.