Indici globali iniziano il mese in rialzo grazie ai buoni dati macro

I buoni risultati del settore manifatturiero in Cina ed Eurozona spingono al rialzo gli azionari. Bene Piazza Affari (+0,36%), continuano gli acquisti su Ubi in attesa dei risultati dell’Opas

La settimana si apre con una carrellata di dati macro sugli indici dei direttori agli acquisti nel settore manifatturiero. Già quelli in arrivo dalla Cina hanno aiutato al rialzo gli indici asiatici e, di conseguenza, quelli globali; in mattinata i risultati della ricerca nell’Eurozona, nel pomeriggio quelli Usa.

Come si è chiusa la giornata in Asia?

Secondo il sondaggio condotto dall’istituto di ricerca privato Caixin, i direttori agli acquisti del settore manifatturiero in Cina sono più ottimisti di quanto gli esperti si aspettavano e l’indice Pmi di luglio è salito a 52,8 punti, raggiungendo i massimi di oltre nove anni. Inoltre, la Banca centrale cinese ha rimandato all’anno prossimo la paventata stressa sull’asset management bancario.

Positivi dunque gli azionari cinesi, con la Borsa di Shanghai che chiude in rialzo dell’1,75%, Shenzhen che sale del 2,32% e China A50 dello 0,63%.

Positivo anche il Giappone, che beneficia anche dell’indebolimento dello yen nei confronti del dollaro (il cambio USD/JPY è tornato a salire leggermente a quota 105,891): il Nikkei ha chiuso la giornata di contrattazioni in rialzo del 2,24%, il Topix guadagna l’1,78%.

Negativo solo l’Hang Seng, a -0,99%, mentre il Kospi coreano sale dello 0,07%.

Cosa si prevede per la giornata sui mercati Usa?

Doveva essere pronto entro agosto, invece il Congresso sta ancora discutendo sul prolungamento del pacchetto di aiuti fiscali post-pandemici scaduti a luglio (600 dollari a settimana per le famiglie colpite dalla crisi economica, un programma dalla capacità totale di tremila miliardi di dollari), che fa da padrone sulla scena politica statunitense – dopo che l’ipotesi lanciata dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump di rimandare le elezioni presidenziali di novembre sembra essere stata accantonata. Tornano intanto i timori sul fronte geopolitico: domenica il segretario di stato Mike Pompeo ha dichiarato che Trump annuncerà nuove azioni nei confronti delle compagnie tech cinesi “nei prossimi giorni”.

Nel frattempo, venerdì sera l’agenzia Fitch ha tagliato il giudizio sugli Stati Uniti, legando il passaggio da stabile a negativo proprio allo stato confusionario della scena politica e il debito galoppante che la Federal Reserve continua a creare nel tentativo di supportare l’economia dalla crisi coronavirus (crisi che nel frattempo ha portato il numero di contagi nelle ultime 24 ore a 60.817, cifra che rientra nella media delle ultime tre settimane).

Negativi i futures di Wall Street, con l’S&P 500 in calo dello 0,17% e il Dow Jones che promette un’apertura in ribasso dello 0,37%; unica eccezione il Nasdaq, in rialzo dello 0,21%.

Sul fronte valutario il cambio euro-dollaro, che a luglio ha guadagnato il 4,8% fino a sfiorare quota 1,19, nelle ultime ore è sceso leggermente, a 1,17. Nonostante la timida ripresa il dollaro resta sui minimi dal 2018, a 93,42 rispetto al paniere delle altre principali valute.

In leggero calo il petrolio, con il Wti sui 39 dollari al barile mentre il Brent resite a quota 43 dollari, mentre dopo alcuni tentennamenti in mattinata l’oro torna a sfiorare i massimi storici, a 1.990 dollari l’oncia.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sugli indici globali oggi

Cosa si prospetta per gli indici europei oggi?

Gli indici Pmi manifatturieri migliori del previsto aiutano le Borse europee al rialzo, dopo un inizio di sessione e di settimana stentato. Italia, Spagna, Francia, Germania ed Eurozona hanno registrato tutte valori superiori ai 50 punti (la soglia che determina l’espansione economica), risultati superiori alle aspettative.

È così che al momento la Borsa di Parigi segna un rialzo dello 0,40%, quella di Francoforte sale dell’1,29%, Milano guadagna lo 0,36% e solo l’Ibex spagnolo perde lo 0,49%.

Su Piazza Affari continuano gli acquisti su Ubi Banca, che sale del 2,52% a 3,66 euro per azione in attesa dei dati ufficiali dell’Opas lanciata da Intesa Sanpaolo, che saranno pubblicati domani insieme ai risultati trimestrali dell’istituto torinese. Bene anche DiaSorin (+1,63% a 168 euro) e Ferrari, che pubblica oggi i conti del secondo trimestre e avanza dell’1,55% (153,7 euro per azione). Le perdite maggiori si concentrano su Mediobanca , che lascia sul terreno il 3,04% e scende a 6,57 euro, e sulle utilities: Eni perde l’1,78%, Hera l’1,95%.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Opera sugli indici

Fai trading oggi con i principali indici globali.

  • Puoi negoziare con gli spread più bassi del mercato su Wall Street
  • Spread da 0,8 punto su FTSE 100 e Germany 30
  • Scegli l'unico broker che offre quotazioni H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.