Rally del dollaro, massimi da due settimane: il mercato vende il rischio. EUR/USD in calo

Indice del dollaro a rialzo oltre quota 96,60. Investitori temono i crescenti rischi di mercato: calo della crescita in Europa, tensioni commercialo Usa-Cina, incertezza Brexit. Cala la sterlina dopo le parole di Carney (BoE).

Dollaro Fonte: Bloomberg

Indice del dollaro sui massimi da due settimane poco sopra area 96,60, mosso da un movimento dettato anzitutto dalla crescente percezione del rischio.

Dopo aver testato brevemente la soglia dei 95,20 (minimo superiore al precedente, a ridosso dei 95), il biglietto verde è tornato a recuperare terreno. Il sentiment di mercato ha rivelato una crescente avversione al rischio, che ha portato a ribasso i rendimenti dei principali titoli statunitensi a 10 anni, sostenendo, al contempo, il valore del dollaro.

Rally del dollaro: pesano la percezione del rischio

Più che al contesto macro e ai dati legati all’economia a stelle e strisce (che confermano la consistenza della prima potenza al mondo), alla base degli acquisti del dollaro sono state anzitutto le rilevazioni negative registrate dagli altri grandi blocchi economici, Cina ed Europa in primis (la Commissione europea ha rivisto ieri a ribasso la crescita dell’Unione, che in media registrerà un +1,3% nel 2019 contro iniziali attese a +1,9%).

Entrando nello specifico, le esportazioni della Germania, locomotore europeo, hanno mostrato a dicembre il più basso livello da due anni. A calare, per il mercato tedesco, è stato anzitutto il comparto auto, citato anche dalla Banca centrale europea come fattore di allerta circa la futura crescita della zona euro. Sui mercati resta inoltre aperta la questione Brexit, ben lontana dalla definizione di un piano che permetta un’uscita organizzata dall’Ue.

Considerata la recente decisione della Federal Reserve di mettere in pausa la propria politica monetaria restrittiva (adottando un approccio paziente che tende ad alleggerire il costo del biglietto verde), la recente forza del dollaro è da leggersi anzitutto come funzione della debolezza delle altre valute.

Dollaro: riflettori sull'accordo Cina-Usa

Proprio contro euro, il dollaro ha guadagnato nelle scorse sedute l’1,1%, a ridosso del livello a 1,1330, in una settimana di sole sedute negative per la coppia EUR/USD.

Positiva anche la variazione del greenback contro la sterlina, a +1,30%, con il rapporto GBP/USD al test dell’area di 1,2930. Sul pound hanno influito le parole pronunciate ieri dal governatore della Bank of England, Mark Carney, che ha confermato l'intenzione dell'istituto centrale di modulare la propria decisione futura sui tassi a seconda dell'esito della Brexit.

Nel più breve termine, gli investitori stanno aspettando di conoscere l’esito che farà seguito alla prossima riunione tra i presidenti Donald Trump e Xi Jinping (27-28 febbraio): nonostante i recenti passi avanti a livello di colloqui commerciali, rumors trapelati dal Wall Street Journal hanno apostrofato come “altamente improbabile” il raggiungimento di un accordo prima che la nuova tranche di dazi americani entri in vigore (1 marzo).

Analisi del dollaro Usa

Con l’indice del dollaro tornato a testare livelli superiori al massimo precedente (96,60), la divisa americana potrebbe ora puntare ad un ritorno a 96,80 (al 23,6% del ritracciamento di Fibonacci sul movimento registrato tra settembre-dicembre), con step successivo a 96,96 (massimo del 2 gennaio). Al ribasso, un primo immediato step potrebbe esser quello a 96,40 (attorno alla media mobile a 55 giorni) seguito da 96,20 e 96,00.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.