Mercati in stand-by in attesa della Fed. Dollaro USD poco mosso. Quali segnali all'orizzonte?

Tassi d'interesse inalterati: quanti interventi sul costo del denaro nel 2019? L'annuncio dalle ore 19. Federal Reserve, attenzione alla riduzione del bilancio federale. EUR/USD piatto, dollaro poco mosso sul mercato del forex.

Fonte: Bloomberg

Dollaro poco mosso e mercati in stand-by, in attesa delle ore 19 di questa stasera, quando l’istituto centrale americano renderà note le proprie decisioni di politica monetaria.

Previsioni Fed: tassi e bilancio in focus

Da attese, la Federal Reserve dovrebbe mantenere inalterati i tassi di interesse in un range compreso tra 2,25 e 2,50%, tagliando il numero di rialzi previsti per il resto dell'anno e rilasciando i tanto attesi dettagli circa il piano di riduzione di bilancio federale, ad ora circa pari a 4 mila miliardi (trillion) di dollari.

L’approccio volto alla “pazienza” dovrebbe quindi esser confermato, interrompendo la scia dei rialzi del costo del denaro (sette nel periodo 2017-2018) e andando ad assecondare un’economia che, seppur ancora in forze, potrebbe risentire di un peggioramento delle condizioni di mercato e dell'intensificarsi dei rischi a livello globale.

Board of Governors Fed: l’attesa del dot plot

Attualmente, gli investitori sembrano puntare al 75% sulla probabilità che la Fed non aumenterà il ​ tasso di interesse di riferimento overnight (il tasso dei fondi federali) nemmeno una volta. L’ultima parola è però nelle mani dei membri del Board federale (7 in tutto, due dei quali vacanti) e dei 12 rappresentati Fed regionali.

Nelle proiezioni di dicembre 2018, la Fed aveva previsto per il 2019 due aumenti del costo del denaro, per un rialzo complessivo di mezzo punto percentuale: un segnale a rettifica di quanto detto in precedenza potrebbe arrivare già oggi, con un contestuale ribasso del biglietto verde, sul quale peserebbero minori pressioni sul lato dell’acquisto.

Fomc, la decisione sul bilancio federale

L'attenzione degli operatori potrebbe farsi ancor più viva quando la Fed rivelerà la propria decisione circa la politica di bilancio ed il piano di riduzione delle poste iscritte (tightening). A partire dal 2018, la Fed ha avviato una riduzione mensile delle proprie attività in essere, riducendo il reinvestimento degli assets in scadenza ad un ritmo massimo di 50 miliardi di dollari al mese. Un’ulteriore mossa volta a didurre la liquidità in circolazione e gli st8imoli al sistema.

Attualmente, il bilancio federale pesa circa 4 trillion; lo scorso anno raentava i 4,5 trillion (nel 2007 era invece inferiore ai mille miliardi). Nel meeting di oggi l’istituto centrale potrebbe fare un passo indietro anche su tale fronte, fissando il tetto del piano di riduzione a 3,8 trillion (un taglio da 200 miliardi) entro il dicembre 2019 (o prima). La Fed dovrebbe rilasciare i dettagli di tale piano, fornendo agli investitori la misura di quanto a lungo continuerà il drawdown e quali asset resteranno nel portafoglio della Fed.

Alla pubblicazione delle decisioni del Comitato federale (Fomc), ore 19:00, farà seguito la conferenza stampa del governatore, Jerome Powell, alle ore 19:30 locali.

Forex: USD poco mosso. Dollaro in attesa di news

Mercoledì il biglietto verde si conferma poco mosso. Il dollar index, indice del dollaro contro le principali valute di riferimento, latita oggi attorno alla parità, analogamente alle ultime due sedute.

Neutralità per il cambio EUR/USD, con una variazione a zero, a quota 1,1350. Positiva invece la variazione dell’USD contro il pound inglese, con GBP/USD in calo dello 0,3% principalmente a causa della debolezza della sterlina, in un clima di crescente precarietà che ruota attorno alla questione Brexit.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.