La Fed cambia piani: nessun rialzo dei tassi nel 2019. Dollaro giù, euro ai massimi da 7 settimane

Nessun aumento del costo del denaro, riduzione di bilancio entro settembre 2019, previsioni di crescita riviste al 2,1% (dal 2,3%). Dollaro in calo sui toni da colomba di Jerome Powell. Politica accomodante affossa USD/JPY.

Fonte: Bloomberg

Nessun aumento del costo del denaro nel 2019, coi tassi d’interesse che rimaranno fermi entro un range del 2,25-2,50%. La decisione è stata appoggiata a larga maggioranza dal board dell’istituto centrale americano, con 11 dei 17 membri (5 del comitato esecutivo e 12 rappresentanti regionali) concordi sul taglio delle proiezioni 2018, che a dicembre prevedevano due interventi per l'anno in corso. Il cosiddetto dot plot, il grafico a punti col quale i membri della Federal Reserve rappresentano la guidance sui tassi, mostra un rialzo nel 2020.

“Alla luce degli sviluppi economici e finanziari globali e delle limitate pressioni inflazionistiche” si legge nella nota pubblicata ieri dai tecnici “il Fmoc rimarrà paziente nel valutare quale futuro aggiustamento dei target sui Fed Funds potrà essere appropriato".

Powell (Fed): revisioni di crescita Usa 2019

Tra le ragioni illustrate dal governatore Jerome Powell, che dallo scorso meeting di gennaio ha adottato toni sempre più da colomba, prevale il rallentamento dell’economia americana: le stime di crescita per l’anno in corso sono state infatti ridotte dal precedente 2,3% all’attuale 2,1%, una variazione comunque positiva, che risente però delle incognite che disseminano i mercati globali (e che colpiscono di rimando anche la fiducia degli operatori a stelle e strisce).

"Il nostro outlook resta positivo", ha aggiunto Powell nel corso della conferenza stampa. “Il Fomc continua a prevedere una crescita poco sopra il 2%, i fondamentali economici Usa restano molto forti".

Ulteriore punto d’attenzione, la consistenza di bilancio: come da attese, la Federal Reserve interromperà il piano di riduzione di bilancio federale a settembre, ponendo così un limite alla riduzione degli asset all’attivo dell’istituto centrale. Secondo le stime, l’istituto di Powell dovrebbe assistere ad una contrazione del proprio bilancio dagli attuali 4 mila miliardi circa di dollari di assets, ad una cifra prossima ai 3,8, tramite il mancato reinvestimento delle poste in scadenza.

Effetti sul dollaro USD: EUR forte, sale JPY

Il dollaro ha subito pesanti perdite dopo che la Federal Reserve ha stravolto i propri piani di politica monetaria, un segnale che la campagna triennale di normalizzazione a stelle e strisce potrebbe ormai essere giunta alla fine.

La deviazione della Fed ha fatto scivolare il dollaro sotto area 110,50 yen, con una perdita dello 0,8% registrata nella notte, il più grande calo della coppia dal flash crash di inizio gennaio.

L'euro ha invece toccato a un massimo di sette settimane al test di $1,1435, ben lontano dal recente minimo di $1,1777 raggiunto due settimane or sono.

Profondo rosso anche per il dollar index, il paniere del biglietto verde contro le principali valute al mondo, che ha toccato i minimi da inizio febbraio sotto 95,20.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.