Yen debole sull'ottimismo di un accordo Trump-Xi. Kuroda: politica ancora accomodante

JPY debole contro USD. Commodity currencies in rafforzamento sull'ipotesi di una risoluzione tra Washington-Pechino attorno al 27 marzo. BoJ conferma la politica accomodante. Al momento, nessun rischio di distorsione.

Fonte: Bloomberg

Yen in fase di debolezza, mentre si apprezzano le commodity currencies: il rinnovato ottimismo circa una risoluzione delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina ha spinto a rialzo le valute legate alle materie prime (dollaro neozelandese, dollaro canadese e dollaro australiano), incentivando le prese di profitto sulla divisa giapponese, asset rifugio nei momenti di incertezza. Ma non è tutto: ad influenzare l’andamento dello yen è stato l’annuncio fatto dal governatore Haruhiko Kuroda che ha rassicurato circa la politica monetaria della banca centrale giapponese, la quale si manterrà accomodante fino a quando l’economia lo richiederà.

Pochi entusiasmi sul cambio USD/JPY

La coppia USD/JPY quota lunedì attorno alla soglia della parità, in area 111,90. Il Wall Street Journal ha indicato ieri la data del 27 marzo come possibile giorno in cui Washington e Pechino sigleranno l’accordo per porre fine alla guerra tariffaria. Le questioni sul piatto ancora da discutere non sarebbero poche: tra queste, il furto di proprietà intellettuale ed il trasferimento forzato di tecnologia americana. Vi sarebbero invece già solide basi circa l’impegno cinese ad incrementare i propri livelli di acquisto di beni a stelle e strisce, specie in ambito agricolo, energetico ed industriale.

Sempre nelle scorse ore, il governatore della Banca del Giappone, Haruhiko Kuroda, ha confermato che la banca centrale nipponica discuterà e comunicherà il proprio piano di uscita dall’attuale politica monetaria ultra-accomodante al momento opportuno. Momento opportuno, che non sarebbe ora.

Kuroda (BoJ): politica monetaria resta accomodante

Parlando al comitato di bilancio della Camera Alta, Kuroda ha sottolineato al la necessità di tenere conto degli effetti collaterali che potrebbe avere uno stimolo monetario prolungato sulla stabilità del sistema finanziario. Rischi, questi, che al momento sarebbero contenuti. Il Giappone è stato il primo paese tra le grandi economie ad attuare un piano di Quantitative easing nel marzo 2001 per contrastare la forte deflazione all’inizio degli anni duemila.

Detto ciò, Kuroda ha confessato che la BOJ non avrebbe al momento una strategia specifica di uscita, poiché ci vorrà un "tempo significativo" prima di raggiungere l’obiettivo di inflazione al 2%. Secondo il governatore, l'uscita dalla politica ultra-espansiva porterà ad un aumento dei tassi di interesse sulle extra riserve depositate dalle istituzioni finanziarie nelle casse della BoJ, nonché misure volte a ridurre il bilancio della banca centrale.

Shinzo Abe a favore di una politica espansiva

Kuroda ha giustificato gli ultimi sei anni di stimolo monetario, affermando di aver aiutato il Giappone sulla via per sfuggire alla deflazione, aumentare i profitti delle imprese e portare alla quasi piena occupazione.

A sostegno di ciò sono state le parole del primo ministro giapponese, Shinzo Abe, il quale ha affermato di avere fiducia nella capacità di Kuroda di guidare la politica monetaria nazionale: "Senza un audace allentamento monetario, il Giappone sarebbe ancora in deflazione " ha detto Abe.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.