BoJ pronta a nuovi stimoli: cala lo yen. Kuroda: poco margine di movimento

Bank of Japan più accomodante: intervento in caso di insostenibilità del mercato forex (apprezzamento yen) e di allontanamento del target d'inflazione al 2%. Troppa liquidità in circolazione. Dollaro piatto; euro debole.

Fonte: Bloomberg

Bank of Japan pronta ad incrementare gli stimoli monetari qualora l’economia giapponese deragliasse ed il target del tasso d’inflazione al 2% si allontanasse. Sulle parole del governatore BoJ, Haruhiko Kuroda, lo yen ha leggermente perso terreno contro dollaro, in un momento in cui, sul dollaro stesso, gravano tendenze ribassiste legate ad una maggior propensione della Federal Reserve americana ad adottare un approccio "paziente".

Bank Of Japan ancora più accomodante?

Kuroda pondererà con attenzione benefici e costi di qualsiasi ulteriore politica di stimolo, confermando che l'ostacolo maggiore per intervenire con nuove misure espansive si lega ai profitti delle realtà finanziarie, danneggiate dal perdurare di tassi a zero e dalla troppa liquidità in circolo.

Tra i possibili strumenti di allentamento nelle mani della BoJ si annoverano il taglio dei tassi di interesse a breve e lungo termine, l'espansione dell'acquisto di asset o l'accelerazione del ritmo di stampa del denaro.

In un contesto economico precario, dato dal rallentamento della crescita globale, dalle tensioni esterne ed interne alla politica americana e dal calo della domanda cinese, la BoJ, prima tra le altre, si trova ad affrontare un dilemma: anni ed anni di nuova immissione di moneta hanno inondato il mercato di liquidità e danneggiato i profitti delle banche commerciali.

Un basso livello dell’inflazione ha però penalizzato l’operato della BoJ che non ha ottenuto gli effetti sperati sull’economia reale e che è stata quindi costretta a tener fede ad una politica accomodante. Strategia, che ha lasciato il Paese con poche munizioni.

L’istituto non è infatti stato in grado di contrastare la brusca impennata dello yen registrata nel corso del mese di dicembre, che potrebbe far deragliare la ripresa economica trainata dalle esportazioni.

Kuroda ha confermato di non avere in programma il fermare o il rivedere gli acquisti di fondi etf negoziati in borsa, tenendo però conto "delle mosse del mercato e dell'impatto sulle istituzioni finanziarie, nonché degli sviluppi economici e dei prezzi"

Grazie alla politica di controllo della curva dei rendimenti (Ycc), la BoJ riesce a controllare il tasso a breve termine attorno allo 0,1 percento e i tassi a lungo termine attorno allo zero percento.

Forex: JPY in calo, USD piatto, EUR debole

L'indice del dollaro rispetto al paniere delle sei principali valute si muove attorno alla soglia della parità, tra i 96,10 e i 96,45, spinto dalla chiusura di lunedì dei listini americani.

Poco vigore anche per l'euro, allontanatosi dal minimo della scorsa settimana 1,1235, tra 1,1295 e 1,1315.

L’allentamento del conflitto commerciale tra Cina e Stati Uniti, ma l’ancora nulla di fatto a livello di accordo, ha lasciato i mercati in fase interrogativa. I colloqui tra Pechino e Washigton proseguiranno anche oggi. Al centro della discussione, il trasferimento forzoso di tecnologia americana e l'accusa di furto della proprietà intellettuale. 

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.