Cambio EUR/USD sempre più volatile, Powell esclude i tassi negativi

Per il numero uno della Fed, la ripresa economica avverrà solo quando gli Usa saranno riusciti a domare il coronavirus – dunque non in tempi brevi. L’euro-dollaro tocca 1,085 mentre tra gli indici si salva solo il Nasdaq

Tassi di interesse stabili in prossimità dello zero, mentre gli Stati Uniti si fanno strada verso la riapertura dell'economia e la sconfitta del coronavirus, per quanto il percorso si presenti lungo e impervio. Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell, durante l'intervento di oggi alla Peterson Institute for International Economics, ha così fugato ogni dubbio sulle prospettive di breve termine per il dollaro dopo che, negli ultimi giorni, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è tornato a fare pressioni affinché la Banca centrale Usa abbassasse ulteriormente il costo del denaro, anche se ciò vorrebbe dire sforare in territorio negativo.

Cosa ha detto Powell?

Il numero uno della Federal Reserve ha garantito che l’istituto centrale statunitense continuerà a fare tutto ciò che è possibile a sostegno dell’economia Usa fermo restando che, considerando ormai l’incertezza (legata al comportamento del virus) e il fatto che sia necessario pensare al lungo termine, a questo punto la gestione della crisi passa al Congresso e alle misure fiscali che sarà in grado di varare.

Per Powell, i “problemi di liquidità” generati nella fase iniziale della crisi coronavirus potrebbero trasformarsi in “problemi di solvenza”: è per questo che si è appellato al Congresso, in grado di predisporre sgravi fiscali per cittadini e imprese messi in ginocchio dal Covid-19.

A tal proposito, il voto per un nuovo pacchetto di aiuti da tremila miliardi di dollari è al vaglio della Camera dei Rappresentanti, che potrebbe licenziarlo già venerdì; successivamente passerà al Senato, a maggioranza Repubblicana, che minaccia una forte opposizione.

Powell ha ricordato che solo ad aprile negli Usa sono stati registrato 20,5 milioni di disoccupati, con il tasso di disoccupazione schizzato al 14,7%. Non solo: secondo il numero uno della Banca centrale statunitense, a maggio il dato potrà essere ben peggiore – salvo poi risalire, seguendo il corso della crisi sanitaria. La ripresa dell’economia, dunque, potrà essere molto lunga. Quel che è certo per la Banca centrale Usa è che un tasso di disoccupazione al 3,5% come quello raggiunto a gennaio (il minimo storico dagli anni Sessanta) resterà solo un ricordo nello scenario economico post-coronavirus.

Per Powell, l’incertezza si estende anche all’efficacia dei tassi negativi, che si ripercuoterebbero in maniera negativa sulla profittabilità delle banche. Al contrario, il numero uno della Fed ha parlato di una serie di strumenti (senza però entrare nel dettaglio) a disposizione che la Banca centrale è intenzionata ad utilizzare.

Come ha reagito il cambio EUR/USD alle parole di Powell?

Gli operatori sul forex attendevano con ansia le parole di Powell proprio in relazione alla possibilità di un ulteriore taglio dei tassi. Resta debole il dollaro che, dopo u leggero rialzo in vista del discorso del presidente della Fed, è tornato ai livelli della vigilia nel momento in cui è stato chiaro che la crisi si prospetta più lunga e profonda del previsto. Al momento, la coppia valutaria euro-dollaro viaggia a quota 1,08591, mentre nei confronti dello yen giapponese il biglietto verde è sceso a 107,071 – stamattina in apertura di mercato viaggiava a quota 107,789. Solo ieri il dollar index aveva raggiunto il massimo da tre settimane, a 100,44.

Come hanno aperto gli indici di New York?

La prospettiva di una ripresa economica più lunga di quanto la Banca centrale Usa si sarebbe aspettata ha spinto al ribasso Wall Street, dove solo il Nasdaq riesce a mantenersi al di sopra della parità, grazie alle buone performance del comparto tecnologico, mentre il Dow Jones perde al momento lo 0,64% e l’S&P 500 lascia sul terreno lo 0,27%.

Fai trading sul Forex e altri mercati senza rischi con il conto demo di IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Inizia ora a fare trading sul forex

Trova nuove opportunità sul mercato più grande e liquido al mondo.

  • Spread a partire da soli 0,6 su EUR/USD
  • Analizza il mercato e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Fai trading ovunque tu sia con le nostre app

Vedi un'opportunità sul forex?

Prova il trading senza rischi con il nostro conto demo.

  • Effettua il login
  • Apri la tua posizione
  • Scopri se le tue previsioni si rivelano corrette

Vedi un'opportunità sul forex?

Non perdere la tua occasione e passa a un conto reale.

  • Spread a partire da soli 0,6 su EUR/USD
  • Analizza i mercati e opera con grafici veloci ed intuitivi
  • Leggi le ultime notizie direttamente dalla piattaforma

Vedi un'opportunità sul forex?

Non perdere la tua occasione. Effettua il login e apri la tua posizione.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.