Brexit, i prossimi appuntamenti, cosa rischia Boris Johnson

Tanti eventi nelle prossime settimane. Il Regno Unito uscirà dall'UE il 31 ottobre? Tutti i dettagli sulle tempistiche del processo di Brexit

1. Summit del G7 24-26 agosto a Biarritz in Francia

Dopo gli incontri separati con il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Angela Merkel, Boris Johnson farà il suo debutto come primo ministro britannico sulla scena mondiale al vertice del G7 a Biarritz, in Francia. Sarà un incontro “strano” per Johnson, che incontrerà entrambi i leader già recentemente visti e che spera di stabilire una nuova relazione con altri partner, in particolare il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

"Il Regno Unito rischia di rimanere a disagio tra gli Stati Uniti con cui non è d'accordo e un'Europa che fatica a influenzare", ha detto a Reuters Thomas Raines, capo del programma europeo presso il Think Tank londinese Chatham House.

Johnson dovrà decidere se continuare a minacciare l'UE che il Regno Unito è pronto a partire senza un accordo, o se estendere un ramo di ulivo per cercare di convincere l'UE che preferisce l’uscita con accordo, semplicemente non quello offerto al suo predecessore Theresa May, che è stato bocciato tre volte

Johnson dice al PM irlandese che UK lascerà il 31 ottobre in qualsiasi modo

Johnson vuole riaprire l'accordo di uscita che è stato concordato a maggio e eliminare la clausola di backstop, che rimane la barriera numero uno a un accordo approvato dal parlamento del Regno Unito. Tuttavia, l'UE ha affermato che l'accordo di uscita non potrà essere rinegoziato e che non toccherà la clausola di backstop. Il Parlamento britannico non sosterrà l'accordo nel suo stato attuale e sarà un caso di chi cederà per primo: Johnson è felice di andarsene senza un accordo e l'UE, giustamente convinta che il Regno Unito abbia più da perdere a causa di una Hard Hard Brexit, è preparata a lasciare che ciò accada, ma entrambi hanno detto che non è la loro scelta preferita.

Poi avremo un gioco di scaricare la colpa. Boris Johnson proverà a inviare un messaggio forte che se il Regno Unito dovesse lasciare senza un accordo è perché l'UE si è rifiutata di muoversi, non a causa della sua testardaggine. L’Unione Europea non capisce perché il Regno Unito pensi che sia responsabilità dell’UE presentare nuove proposte. Johnson non ha avanzato alcuna nuova idea o soluzione per avere il sostegno dell'UE da quando è entrato in carica.

UK stanzia ulteriori 2,1 mld di sterline per la pianificazione di una Brexit senza accordo

Mentre gli occhi saranno puntati su Johnson e sulla risposta dei leader dell'UE, ci saranno altri partecipanti che non saranno tanto interessati che la Brexit possa consumare l’intera agenda del meeting, specialmente quando ci sono una moltitudine di altre questioni importanti da affrontare: la guerra commerciale USA-Cina, l'accordo sul nucleare iraniano o i disordini in corso a Hong Kong.

Il sostegno irlandese e l'aritmetica parlamentare

La causa principale dello stallo tra il Regno Unito e l'UE è la clausola di backstop al confine con l’Irlanda. Il backstop è una polizza assicurativa che cerca di mantenere un clima distensivo in Irlanda nel caso in cui le parti non riescano a concordare un futuro accordo commerciale prima della fine del 2022, che è l'ultima volta che il periodo di transizione possa essere prolungato. Ciò manterrebbe il Regno Unito in un "territorio doganale unico" con l'UE e l'Irlanda del Nord dovrebbe aderire ad alcune norme aggiuntive al fine di evitare l'apparizione di una forma di confine con la Repubblica d'Irlanda.

L'attuale governo conservatore è sostenuto dal Partito Democratico Unionista (DUP) dell'Irlanda del Nord, che è contrario al backstop perché tratta l'Irlanda del Nord in modo diverso dal resto del Regno Unito. Il fatto che il governo possa avere una maggioranza molto risicata in parlamento con il sostegno del DUP significa che l'opinione di questo piccolo gruppo di 10 deputati è fondamentale. Tuttavia, la scissione in Parlamento porta alcuni a ritenere che un accordo di uscita non riuscirebbe a ottenere un sostegno sufficiente tra i parlamentari anche se la clausola di backstop fosse rimossa.

L'aritmetica parlamentare non è cambiata da quando l'accordo di maggio è stato bocciato per l'ultima volta, lasciando poche speranze che l'attuale accordo di uscita possa essere salvato. Vale la pena ricordare che tre quarti dei parlamentari hanno votato per rimanere nell'UE mentre quasi il 52% del pubblico ha votato per andarsene, anche se alcuni hanno successivamente cambiato idea o "accettato il risultato del referendum".

2. La Camera dei Comuni ritorna dalla pausa estiva - 3 settembre

La Camera dei Comuni ha iniziato la sua pausa estiva il 25 luglio e dovrebbe tornare il 3 settembre. Oltre 100 parlamentari hanno invitato Johnson a richiamare ai lavori in anticipo i parlamentari a causa della scadenza della Brexit. Tuttavia Johnson ha ignorato tali richieste perché non è nel suo interesse. Rimarranno solo 43 giorni lavorativi prima della fine di ottobre e Johnson ha utilizzato come arma il fatto dello scorrere del tempo.

Cosa aspettarsi?

Prepararsi per una settimana esplosiva quando i membri del parlamento torneranno. I parlamentari di tutte le parti inizieranno a promuovere strategie che hanno costruito durante la pausa. I Brexiteers cercheranno di garantire che il 31 ottobre sia il giorno in cui il Regno Unito lascerà l'UE, mentre i e quelli contro una "Brexit dura" rinnoveranno i loro sforzi per bloccare qualsiasi tentativo di andarsene senza un accordo, anche facendo cadere il governo.

Voto di sfiducia

Il leader del partito laburista all'opposizione, Jeremy Corbyn, ha promesso di presentare una mozione di sfiducia non appena sarà convinto di avere abbastanza supporto parlamentare, sapendo che avrà solamente un colpo da sparare. Riteniamo che Corbyn non chiederà il voto immediatamente quando terminerà la pausa estiva, ma dovrà presentarlo abbastanza velocemente per mandare via Boris Johnson prima della fine di ottobre.

Se Boris Johnson perde la mozione di sfiducia, allora sarà espulso come primo ministro, ma rimarrà nel ruolo fino a quando non sarà possibile formare un governo alternativo. Se un nuovo governo può avere la maggioranza entro 14 giorni dalla mozione di sfiducia, allora prenderà in carico il paese.

Tuttavia, se nessun partito o coalizione può comandare la maggioranza entro tale termine, saranno convocate le elezioni generali anticipate. È importante rendersi conto che ci sono regole che richiedono un preavviso di 25 giorni lavorativi prima che si possano tenere le elezioni. Ciò significa che è praticamente impossibile tenere una mozione di sfiducia, attendere il periodo di pausa di due settimane e quindi altre cinque settimane preparandosi a tenere le elezioni prima che scada il 31 ottobre.

Se Johnson sopravvivesse alla mozione di sfiducia questo non farebbe che incoraggiare i suoi piani per il Regno Unito di lasciare l'UE con o senza un accordo alla fine di ottobre e rappresenterebbe una grave battuta d'arresto per i Remainers. Pertanto, Corbyn deve capire le tempistiche giuste se vuole fare fuori (politicamente) Johnson prima della scadenza.

Governo di unità, governo di larghe intese alla tedesca

Dato che il Regno Unito non ha il tempo di tenere elezioni generali per insediare nuovi leader prima della scadenza del 31 ottobre, ci sono state richieste per un "governo di unità" interpartitico che subentrasse se Johnson venisse mandato via. Ci sarebbe ancora tempo per fermare una Brexit senza accordo se i partiti dell'opposizione siano in grado di promuovere una nuova leadership immediatamente dopo il voto di sfiducia ed evitare settimane di ritardi (potenzialmente fatali) che potrebbero portare il Regno Unito fuori dall'UE senza alcun governo eletto in atto.

Sebbene sia un approccio razionale con l'idea di guarire le profonde divisioni nel paese nel suo insieme, ha già colpito un muro di mattoni. Il nuovo leader del partito anti-Brexit, i liberaldemocratici, Jo Swinson, ha suggerito che i membri più anziani della Camera dei Comuni (il conservatore Ken Clarke e la laburista Harriet) possano guidare un governo trasversale di unità. Ma l'idea ha bisogno del sostegno dei laburisti, che recentemente hanno gettato acqua fredda sul progetto.

3. Conferenze dei partiti politici da settembre a ottobre

I partiti politici del Regno Unito hanno fissato le loro conferenze annuali del partito a settembre e all'inizio di ottobre. La Brexit rimarrà il tema dominante, ma tutte le parti saranno entusiaste di mostrare le loro idee e soluzioni per catturare l'attenzione del pubblico, concentrandosi su aree come l'edilizia, l'assistenza sanitaria e il benessere. Johnson ha già annunciato diverse iniziative riguardanti la questione interna e la sicurazza, portando molti a credere che il primo ministro stia preparando i conservatori per le elezioni anticipate.

I conservatori terranno la loro conferenza annuale dal 29 settembre al 2 ottobre, dopo il Labour tra il 21 settembre e il 25 settembre. La conferenza dei Liberal Democratici si terrà dal 14 settembre al 17 settembre, mentre il Brexit Party terrà la sua conferenza in un tour del paese a partire da Colchester il 2 settembre e terminando a Londra il 27 settembre.

Ci saranno elezioni politiche anticipate nel Regno Unito?

Può sembrare strano che Johnson stia pensando di convocare elezioni anticipate, in particolare considerando il grave errore del suo predecessore di chiamare un voto anticipato nel 2017. Tuttavia Boris Johnson non ha mandato da parte dei cittadini e la maggioranza del suo governo è super fragile, basta un solo un parlamentare per potersi ribellare e per fermare potenzialmente il governo.

In che modo il voto sulla Brexit ha influenzato la sterlina?

Se Johnson convoca un'elezione generale, controlla i tempi. Se chiama le elezioni, arriva a scegliere la data in cui si tiene (ricordando che è necessario un preavviso di almeno 25 giorni lavorativi prima che le elezioni possano essere tenute). È quasi certo che cercherà di indire elezioni dopo il 31 ottobre, consentendo al Regno Unito di lasciare l'UE in anticipo.

Questo è il motivo per cui i politici in opposizione sentono il bisogno di chiedere una mozione di sifducia in quanto è l'unico modo per prendere il controllo del calendario e limitare la capacità di Johnson di lasciare che il Regno Unito possa uscire dall'UE senza alcun accordo.

Ciò significa che ci sono due modi in cui il Regno Unito possa tenere elezioni anticipate (l'altra dopo un voto riuscito di sfiducia), ma il risultato possibile potrebbe essere notevolmente diverso a seconda di quale prevale.

4. Riunione del Consiglio dell'UE - 17-18 ottobre

Il Consiglio dell'UE si riunisce a Bruxelles per due giorni ogni trimestre per discutere delle principali questioni che incidono sul blocco e questa sarà l'ultima riunione del genere prima della scadenza del Brexit del 31 ottobre nel Regno Unito. Se c'è un'opportunità per un affare all'ultimo sangue per rompere la situazione di stallo ed evitare un accordo alla fine di ottobre, allora potrebbe essere così.

Se Johnson è ancora primo ministro e non ci sono segnali che un accordo possa essere raggiunto da questo punto, allora è altamente improbabile che qualcosa cambierà poiché entrambe le parti si rifiutano di muoversi. Se il governo di Johnson è stato estromesso e uno nuovo lo sostituisce rapidamente, allora questo potrebbe essere un punto di riferimento in cui un nuovo governo britannico più filo-europeo potrebbe lanciare la sua idea di revisione o addirittura di abbandonare del tutto la Brexit.

Tuttavia, se Johnson viene espulso ma i partiti dell'opposizione non riescono a concordare chi dovrebbe prendere il comando, sprecando settimane forzando le elezioni generali, la situazione potrebbe diventare complessa. Johnson rimarrebbe al comando, ma la sua capacità di prendere grandi decisioni diventerebbe limitata. L'UE potrebbe anche essere incentivata a prevenire un accordo alla fine di ottobre, sapendo che Johnson sta uscendo e che sta entrando un governo più moderato.

Vale la pena menzionare la possibilità che Johnson accetti una breve estensione, per quanto improbabile. Se un nuovo accordo è stato concordato in linea di principio, ma sarà ratificato, alcuni credono che Johnson, nonostante la sua linea dura, si scalda all'idea di un breve ritardo.

5. Brexit Day? - 31 ottobre

Dal punto di vista dell'UE, l'attuale situazione implica che il blocco impone al Regno Unito di prendere una decisione entro il 31 ottobre: ​​lasciare senza un accordo, ratificare l'accordo di recesso o revocare del tutto la Brexit e rimanere nell'UE. Dal punto di vista del Regno Unito, partirà il 31 ottobre, indipendentemente dal fatto che ci sia un accordo in atto o meno. Per ora, si aggiunge a una Brexit senza prezzo, ma ciò non significa necessariamente che accadrà. La data è già stata ritardata due volte (dalla scadenza originale del 31 marzo e poi la seconda il 12 aprile), e ci sono altri possibili esiti.

No deal Brexit

La Brexit no-deal è la posizione predefinita. Se la situazione di stallo tra i parlamentari persiste e non vi è alcuna estensione in atto entro la fine di ottobre, il Regno Unito è pronto a lasciare l'UE senza un accordo. Questo è il motivo per cui Johnson è impaziente di affrettarsi. Ci sono stati anche suggerimenti sul fatto che il primo ministro potesse fare il passo senza precedenti di prorogare il Parlamento (chiudendolo) nel tentativo di evitare che i parlamentari impedissero che accadesse una Brexit. La sua capacità di farlo e se sia abbastanza per fermare la resistenza emotiva contro nessun accordo è ancora oggetto di discussione.

Se il Regno Unito parte alla fine di ottobre senza alcun accordo, è importante sottolineare che non vi sarà alcun periodo di transizione. Alcune misure di emergenza prenderanno il via, come un accordo separato per mantenere temporaneamente i voli tra il Regno Unito e l'UE qualunque cosa accada. Johnson ha affermato che la libera circolazione delle persone si fermerà dal primo giorno.

Anche il backstop irlandese non si applicherà e non ci sarà alcun quadro per disciplinare il funzionamento del confine tra l'Irlanda del Nord (ora fuori dall'UE) e la Repubblica d'Irlanda, creando una situazione molto precaria.

Tuttavia, consentirebbe al Regno Unito di concentrarsi sulle discussioni sul futuro commercio con l'UE piuttosto che sul divorzio (i colloqui sul commercio futuro non possono aver luogo fino a quando il Regno Unito non ha formalmente lasciato il segno, o ha accettato di lasciare Butisstill in un periodo di transizione ). Tuttavia, lasciare bruscamente il blocco con piccoli piani di emergenza in atto non è certo il modo migliore per avviare una nuova relazione commerciale e alcuni si chiedono se l'UE vorrà tenere colloqui commerciali se il Regno Unito abbandona una Brexit dura.

La Brexit senza accordo potrebbe richiedere una serie di warning sui profitti.

Un'estensione alla Brexit?

Assicurare un'altra estensione è fondamentale se il Regno Unito vuole evitare una Brexit senza accordi. L'accordo di recesso in vigore non verrà ripristinato indipendentemente da chi è responsabile e non c'è tempo per iniziare a negoziare un nuovo accordo da zero. Qualunque sia la strada che il Regno Unito deve percorrere - un'elezione generale o nuovi negoziati con l'UE - avrà bisogno di più tempo per farlo.

La posizione dell'UE è sempre stata quella di essere disposta a concordare estensioni se ritiene che vi sia una possibilità praticabile che un accordo possa essere ratificato entro tale termine. L'aritmetica parlamentare nel Regno Unito non è cambiata, ma un cambio di leadership potrebbe essere sufficiente per convincere i leader dell'UE a concedere una nuova estensione. Tuttavia, è probabile che spingano la pressione sul Regno Unito insistendo sul fatto che il Regno Unito presenti proposte su ciò che vuole effettivamente piuttosto che aspettare che l'UE metta ancora un altro accordo sul tavolo, in particolare dopo che il primo è stato completamente respinto.

Ratificare un accordo di uscita

È altamente improbabile che l'attuale Accordo di uscita, dopo essere stato votato tre volte, trovi improvvisamente sostegno tra i parlamentari e ci sono poche speranze di rinegoziare un accordo nuovo o modificato mentre Johnson rimane in carica.

Ancora una volta, alcuni ritengono che il backstop irlandese debba essere eliminato o fortemente modificato, ad esempio fornendo un modo definitivo per il Regno Unito di partire senza l'approvazione dell'UE. Altri pensano che risolvere lo stallo per quanto riguarda il backstop non sia sufficiente per convincere i parlamentari a votare l'accordo.

Se una forma di accordo di uscita è ratificato prima della fine di ottobre, il Regno Unito può ancora lasciare l'UE. Sulla base dell'accordo attualmente concordato da maggio, il Regno Unito trarrebbe beneficio dal periodo di transizione. Il periodo di transizione cesserà alla fine del 2020, ma può essere esteso alla fine del 2022. L'idea è che entro la fine del periodo di transizione sarà in vigore un accordo sugli scambi futuri, compreso il modo in cui governare il confine irlandese , ma il sostegno entrerebbe in gioco se non fosse stato raggiunto un accordo sul commercio futuro.

Fare un secondo referendum sulla Brexit

Ciò sarebbe possibile solo se un nuovo governo subentrasse e impedisse al Regno Unito di lasciare l'UE alla fine di ottobre. Se un nuovo governo ottiene la fiducia della Camera dei Comuni, allora potrebbe proporre un secondo referendum sulla Brexit, ma è più probabile che prima si terranno le elezioni generali. Ancora una volta, sarebbe necessaria un'estensione perché non c'è abbastanza tempo per fare tutto questo prima della scadenza attuale.

Il movimento laburista ha affermato che avrebbe promosso un secondo referendum se si svolgessero elezioni generali e ha dichiarato che avrebbe fatto campagna per rimanere, dopo aver ristretto la sua politica sulla Brexit dopo tre lunghi anni. Tuttavia, se i laburisti riuscissero a impadronirsi del potere dai conservatori dopo che Johnson perse un voto di sfiducia, evitando così un'elezione, Corbyn non ha in programma di tenere un secondo referendum, ma preferirà negoziare il proprio accordo con l'UE.

Revoca Brexit

Se Johnson viene espulso, un nuovo governo del Regno Unito potrebbe revocare unilateralmente l'articolo 50 per mantenere il Regno Unito nell'UE.

6. Vertice speciale dell'UE a 27 - novembre?

I leader dei restanti 27 paesi europei dovrebbero incontrarsi presto dopo che il Regno Unito avrà lasciato l'UE, con le aspettative per un vertice che si terrà a novembre, supponendo che la Brexit si terrà alla fine di ottobre. Il governo britannico afferma che al vertice inizieranno i colloqui sul commercio e sulle relazioni future tra Regno Unito e UE, ma la maggior parte è pessimista che l'UE avrà voglia di parlare con il Regno Unito così presto dopo una dura Brexit.

Se viene concordata un'estensione e la Brexit viene ritardata oltre la fine di ottobre, è probabile che il ritiro del Regno Unito continuerà al vertice.

7. I nuovi leader delle istituzioni europee prendono in carico il 1 ° novembre

Un'altra importante caratteristica del vertice speciale sarà l'introduzione dei nuovi leader delle istituzioni dell'UE che sono stati eletti (membri del parlamento europeo, eurodeputati) all'inizio di quest'anno. Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk lascerà il posto all'attuale primo ministro belga, Charles Michel. Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker sarà sostituito dal ministro della difesa tedesco Ursula von der Leyen. Se il Regno Unito lascia senza un accordo alla fine di ottobre, allora questi nuovi leader dovranno decidere quanto siano accomodanti alle discussioni sui rapporti commerciali con il Regno Unito e prendersi carico dei negoziati.

Se il Regno Unito fosse ancora nell'UE quando si insedieranno questi nuovi leader, potrebbe anche avere una narrativa diversa. Alcuni sostengono che i nuovi leader potrebbero essere disposti a riaprire le discussioni sull'accordo di uscita (ma, di nuovo, ciò richiederebbe al Regno Unito di garantire un'estensione), mentre altri pensano che la sostanza dell'UE non cambierà anche se i leader lo fanno.

8. Decisione sul tasso di interesse della Bank of England - novembre?

Se una Hard Brexit viene completata alla fine di ottobre, preparatevi a un intervento della Bank of England (BoE) quando prenderà una decisione di politica monetaria a novembre. Fino ad oggi, le azioni della BoE hanno presupposto che il Regno Unito se ne andasse con qualche forma di accordo. Oppure, in altre parole, la BoE non sta preparando il paese per nessun accordo e dovrà cambiare rotta se ciò dovesse accadere.

La BoE aumenterà i tassi di interesse dopo una Brexit senza accordi?

La BoE unanimemente ha concordato di mantenere i tassi di interesse allo 0,75% nella sua ultima riunione di agosto (come parte del suo obiettivo di mantenere l'inflazione intorno al 2%), ma sta subendo pressioni per tagliare i tassi dopo che l'economia britannica si è ridotta per la prima volta in quasi sette anni. Con l'economia del Regno Unito già in peggioramento prima ancora che la Brexit si sia verificata, molti si aspettano che la BoE tagli i tassi di interesse a novembre se il Regno Unito non ha lasciato l'UE senza alcun accordo per incoraggiare la spesa. Tuttavia, la linea ufficiale dalla BoE è che i tassi di interesse potrebbero andare "in entrambe le direzioni" a seconda dell'effetto economico della Brexit. Josep Borrell Fontelles, diventerà il nuovo capo della politica estera dell'UE, e al presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, succederà Christine Lagarde del Fondo monetario internazionale (FMI).

Tradotto e modificato da un pezzo di Joshua Warner

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.