I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio.

Azioni Unicredit in calo, trimestrale scopre un rosso da 1,8 miliardi

Trimestrale peggiore del previsto per Unicredit, che non aveva calcolato la svalutazione in avviamento del T4. Azioni in calo di oltre il 2%

Continuano i cali per le azioni Unicredit, che anche ancora a metà mattinata perdono oltre il 2% dopo la pubblicazione di dati trimestrali ben peggiori di quanto avessero previsto gli analisti.

Si tratta degli ultimi risultati sotto la gestione di Jean Pierre Mustier. L’amministratore delegato di Gae Aulenti aveva già annunciato a inizio dicembre di voler lasciare la guida di Unicredit; nelle ultime settimane, la rosa dei nomi che avrebbero potuto prendere il suo posto si era ristretta fino a confermare quello di Andrea Orcel, del quale però si sapeva che non sarebbe subentrato a breve.

Il consiglio d’amministrazione di ieri ha sciolto ogni dubbio sulla successione di Unicredit: Mustier ha comunicato al cda la sua intenzione di risolvere anticipatamente il contratto con la banca, che sarebbe scaduto ad aprile. Il consiglio ha quindi deliberato la nomina dell'attuale co-Chief Operating Officer Ranieri de Marchis come direttore generale "al fine di assicurare la piena continuità manageriale alla guida del gruppo".

Trimestrale Unicredit: i dati del 2020

Nello stilare le previsioni per l’anno appena passato, il consensus di 23 analisti targato Unicredit non aveva considerato una svalutazione di avviamento nel quarto trimestre di 878 milioni, all’interno della divisione Corporate & Investment Banking (Cib).

Risultato: un rosso sui conti del 2020 da 2,8 miliardi di euro, dopo rettifiche sui crediti per 5 miliardi. Gli analisti avevano previsto sì un buco, ma limitato a 2,3 miliardi.

Bene tuttavia gli accantonamenti per perdite su crediti, la generazione di capitale e il ritorno sul capitale.

In totale, l’utile netto sottostante di Unicredit nel 2020 ammonta a 1,3 miliardi, superiore alla guidance grazie a minori costi. Riviste al ribasso le previsioni per l’anno venturo, che vedono con un utile netto sottostante di oltre 3 miliardi contro la precedente stima di 3-3,5 miliardi.

Confermata la stabilità dell’istituto, con un Cet1 al 15,08% calcolato pro forma fully loaded, mentre il rapporto tra crediti deteriorati e totale dei crediti (Npe ratio) è al 4,5%. Confermato anche il completo azzeramento del portafoglio “non core” per il 2021.

Sul trimestre, i ricavi sono scesi del 9% a 1,7 miliardi per un margine di interesse di 9,4 miliardi (-6,3%) e commissioni per 6 miliardi (-5,2%). Aumentati anche i costi, +3% rispetto alle stime del consensus, mentre il margine operativo è salito del 2%.

E il dividendo?

Unicredit resta comunque nella posizione di poter corrispondere i dividendi ai propri azionisti: nello specifico, l’istituto ha annunciato 447 milioni di liquidità entro il 30 settembre. Il rendimento ammonterà al 2,4%, per rispettare i limiti imposti dalla Banca centrale europea (che quest’estate ha chiesto alle banche europee di limitare la distribuzione dei dividendi, in favore di un maggiorare sostegno alle economie messe a dura prova dalla crisi del covid-19).

Il 60% del valore del dividendo verrà corrisposto in contanti (per un totale di 268 milioni di euro) mentre il restante 40% (179 milioni) tramite operazione di riacquisto titoli. Inoltre, nel momento in cui la Bce annullerà le restrizioni, Unicredit ha annunciato (presumibilmente a partire dal 1 ottobre) un buyback extra da 652 milioni di euro, da spalmare su tutto l’anno.

Come si stanno muovendo le azioni Unicredit?

In attesa di ulteriori novità circa l’altra grande priorità di Unicredit, ovvero il dossier sulla fusione con Monte dei Paschi di Siena (questione che molto probabilmente resterà in stand-by almeno per le prossime settimane, fino a quando non si sarà insediato Orcel), le azioni Unicredit a metà sessione perdono il 2,65%, scendendo a 8,47 euro l’una.

Come sfruttare le opportunità di trading?

Interessato al trading sulle azioni Unicredit? Vai long o short con i CFD su oltre 16 mila azioni internazionali, con un piccolo deposito iniziale, oppure prendi il controllo sul rischio con le barrier option. Inoltre, puoi tradare prima e dopo l’apertura dei mercato su oltre 70 azioni Usa, solo con IG.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i CFD.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri i primi certificati turbo al mondo quotati H24

  • Leva variabile a partire da 3x
  • Rischio limitato
  • Da zero commissioni*

*Non sono previste commissioni per le operazioni con nozionale superiore a €300.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading