Prezzo azioni Ubi Banca: stime e raccomandazioni sui conti trimestrali

Ubi Banca tenta il recupero a Piazza Affari, aprendo mercoledì a +0,7% (2,60 euro per azione) dopo il -3,4% di ieri. Oggi i numeri del primo trimestre 2019; conference call ore 16:30. Maggioranza di raccomandazioni hold.

Piazza Affari Fonte: Bloomberg

Giornata impegnativa per Ubi Banca (Unione di Banche Italiane) che, oltre a cercare di recuperare la performance negativa di martedì (-3,40%) sulla quale ha pesato il taglio delle stime di crescita italiana da parte della Commessione europea, dovrà convincere gli investitori coi risultati del primo trimestre 2019. La conference call sui conti consolidati al 31 marzo è attesa per oggi, alle ore 16:30.

Azioni Ubi Banca: un 2019 in stand-by

A partire da inizio anno e rispetto alla chiusura di ieri poco sotto i 2,60 euro per azione, il titolo Ubi si è mosso di circa un +3%, sottoperformando l'indice FTSE Mib (+15,9%), con una performance attorno al -38,5% se si considera l’arco di un anno.

Secondo le stime medie della piattaforma Reuters, Ubi dovrebbe presentare ricavi del periodo gennaio-marzo pari a 884,4 milioni, con un utile per azione (eps) da 0,09 euro. Rispetto alle previsioni dell’istituto, il gruppo dovrebbe concludere il primo trimestre con proventi operativi pari a 895 milioni (contro i 925,1 milioni dello scorso anno), interessi netti a 436 milioni (438 milioni nel primo quarter 2018) e commissioni nette a 396 milioni.

Le attese della banca mostrano inoltre una potenziale flessione dell’utile netto del 47%, a 62 milioni di euro contro i precedenti 117,7 milioni. Il consenso di mercato stima a proposito risultati ancora peggiori, con profitti in contrazione del 58% a 49 milioni.

Titolo Ubi Banca: raccomandazioni e target price

Da una panoramica generale, le raccomandazioni degli analisti censiti da Reuters hanno mostrato una prevalenza di raccomandazioni hold, mantenere, con un 25% di posizioni buy ed un 12,5% propensi per la vendita (sell).

Il target price medio indicato si fissa oggi a 2,85 euro per azione (+9% rispetto ai livelli correnti), con un valore mediano stabile da tre mesi a 2,70 euro. Ubi capitalizza a Piazza Affari 2,94 miliardi di euro, sotto i 2,98 miliardi di Banco Bpm, gli 8,02 miliardi di Mediobanca (che presenterà i propri risultati giovedì 9 maggio) e le due big di settore, Unicredit (anch’essa alla prova dei conti domani) ed Intesa Sanpaolo, rispettivamente con una market cap. da 25,58 e 39,26 miliardi.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.