Mediaset: -8% a Piazza Affari. Titolo sconta la trimestrale

Mediaset ha concluso il terzo trimestre con risultati migliori delle attese, sia in termini di ricavi che di utili. A pesare sul titolo del Ftse Mib il calo dei ricavi pubblicitari, che potrebbero intaccare i profitti per l'anno 2019.

Mediaset
Fonte Bloomberg

Caduta libera per Mediaset nel giorno successivo alla pubblicazione dei risultati trimestrali. Con un -8% che pesa a Piazza Affari, la società delle telecomunicazioni ha scontato negativamente i timori di un rallentamento dell’economia italiana per il prossimo anno e, dunque, il rischio di un calo delle vendite (e dei ricavi pubblicitari) in bilancio.

Mediaset ha reso noto ieri che la perdita dei diritti sul calcio (UEFA Champions League, finita in mano al gruppo Sky nel periodo 2018-2021) ha gravato sui ricavi pubblicitari di ottobre (-1%), ma che i minori costi legati a tale contingenza hanno permesso all'emittente privata di ridurre le perdite operative del terzo trimestre. L'emittente milanese, controllata dalla famiglia Berlusconi, prevede un risultato operativo per l'intero anno 2018 leggermente superiore al 2017.

Dopo aver bucato a ribasso i livelli a 2,60 e 2,50 euro per azione, il titolo ha proseguito nella discesa, toccando i minimi di settembre, in area €2,40-2,45, sui prezzi di novembre 2016.

A livello numerico, Mediaset ha concluso il terzo trimestre con risultati migliori delle attese: l'utile prima degli interessi e delle imposte (EBIT) ha registrato una perdita da 9,1 milioni di euro, inferiore alla perdita da 42,2 milioni di euro dello scorso anno.

I ricavi del terzo trimestre sono invece diminuiti del 5,7%, a 629,1 milioni di euro, nonostante un aumento del 3,5% dei ricavi pubblicitari netti in Italia, grazie anche alle fasi conclusive della Coppa del Mondo FIFA.

Mediaset ha chiuso i primi nove mesi con un utile netto di 27 milioni, rispetto ai 34,5 milioni di euro dello stesso periodo 2017. Su tale voce ha pesato il calo della raccolta pubblicitaria, che si lega, ha dichiarato il gruppo, non solo all’Italia, ma anche alla Spagna.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.