Ferrari male a Piazza Affari post trimestrali: no news, bad news

Ricavi e utili in linea con gli obiettivi 2018, ma il mercato si aspettava un colpo di scena. Nel giorno della presentazione dei risultati, Ferrari conferma il proprio rosso, con ribassi fino ai due punti percentuali

Ferrari
Fonte Bloomberg

Trimestrale di Ferrari in linea con gli obiettivi dell'anno, ma senza effetti speciali. Il titolo, dopo un’apertura di giornata a rialzo, inverte la rotta, scontando a Piazza Affari l’assenza di colpi di scena. Il più classico dei “no news, bed news”, insomma.

Il titolo della casa automobilistica del lusso ha chiuso il terzo trimestre coerentemente con quanto previsto da inizio anno, ma al di sotto delle aspettative che il mercato nutriva: i ricavi del gruppo si sono attestati a 838 milioni, in crescita dello 0,3% (+2,2% a cambi costanti).
L'Ebit adjusted si è mantenuto pressoché inalterato, a 203 milioni di euro, corrispondenti ad un margine del 24,2%. L'utile netto ha toccato quota 278 milioni di euro, in aumento del 4,7% .

Nessuna variazione degna di nota nemmeno sui livelli di indebitamento industriale netto, pari a 372 milioni; nel trimestre in esame, inoltre, il free cash flow industriale si è fissato a 100 milioni, al lordo del beneficio fiscale collegato al patent box 2015-17, che verrà conteggiato con nella sua totalità nel quarto trimestre.

Relativamente alla consegna di autovetture, le cifre sono cresciuyte dell'11%, a 2.262 unità.

In sede di pubblicazione dei dati trimestrali, Ferrari ha infine confermato le attese per l’anno 2018, di fronte ad un mercato che auspicava un innalzamento dei target.

Nel primo pomeriggio il titolo sconta un ribasso dell'1,80%, a 102 euro per azione.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.