Farmaceutico: Bristol-Myers Squibb acquista Celgene. Affare da $74 miliardi

A Wall Street nasce la big delle cure anti-tumorali. Nuove sinergie e migliori prospettive di crescita. I due titoli si muovo in parallelo, uno in pesante perdita, l'altro in netto rialzo.

Pharma
Fonte Bloomberg

Torna sotto i riflettori il comparto farmaceutico, con un’operazione di acquisizione tra le più grosse del settore.

Bristol-Myers Squibb ha annunciato d’aver acquistato il gruppo Celgene per una cifra pari a circa 74 miliardi di dollari. Il primo dei due player, che deterrà il 69% del nuovo gruppo, perde oggi a Wall Street oltre il 13%; il secondo, con in mano il 21% della nuova realtà, guadagna invece il 24% della propria capitalizzazione.

Con l’unione delle due realtà, il mercato farmaceutico dà il benvenuto ad un gruppo con un portafoglio complessivo da oltre 1 miliardo di vendite l'anno ed ampi margini di crescita nella cura oncologica, nell'immunologia (Bristol-Myers è stata tra i pionieri dell'immunoterapia antitumorale) e nelle terapie rivolte ai disturbi cardiovascolari.

Nei termini dell’operazione (che dovrebbe concludersi entro il terzo trimestre di quest’anno) gli azionisti di Celgene riceveranno un’azione Bristol-Myers Squibb e 50 dollari per titolo (pari a 102,43 dollari per azione complessivi facenti riferimento alla chiusura di ieri), con un premio del 53,7%.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.