Dividendi: annunciati 5 nuovi stacchi nel 2018

Si va da un minimo di 0,06 dollari per azione ad un massimo, straordinario, di 1,80 euro per azione.

BG_euro_dollar_USD_EUR_EURUSD_2
Fonte Bloomberg

Annunciati sei nuovi stacchi di dividendo, cinque dei quali nel 2018. Si va da un minimo di 0,06 dollari per azione ad un massimo, straordinario, di 1,80 euro per azione. A renderlo noto in mattinata è Thomson Reuters.

Si parte lunedì 19 novembre con Danieli, player mondiale di prodotti siderurgici, che staccherà un dividendo da azioni ordinarie pari a € 0,100. L’importo sale a 0,1207 per le azioni di risparmio. Contestualmente, Mediobanca, unica banca d’affari del mercato italiano, corrisponderà ai suoi soci un dividendo da 0,47 euro per azione.

Il 17 dicembre sarà invece la volta di STMicroelectronics. L’azienda produttrice di componenti elettronici a semiconduttore ha deliberato uno stacco di cedola trimestrale da 0,06 dollari per azione; un secondo stacco è già stato calendarizzato il 18 marzo 2019.

Saranno invece due le protagoniste di giovedì 27 dicembre, quando Assiteca, primo broker assicurativo italiano, e Diasorin, eccellenza della diagnostica in vitro, staccheranno rispettivamente un dividendo ordinario da 0,07 euro per azione ed un dividendo straordinario da 1,80 euro per azione.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.