Banca Generali: acquisizione al 100% di Nextam Partners. Milano apprezza

Aria di acquisizioni nel comparto dell'asset e del wealth management. Il gruppo finanziario italiano ha formalizzato l'offerta vincolante per la boutique di Carlo Gentili. I termini dell'accordo non sono ancora noti

Banks
Fonte Bloomberg

Apertura in area +2,5% per Banca Generali, che ha annunciato in una nota la formalizzazione dell'offerta vincolante (già accettata dalle controparti) per l’acquisizione al 100% della boutique finanziaria Nextam Partners.

Nextam Partners, attiva sul mercato dal 2001, opera nell’ambito dell'asset management, del wealth management e dell'advisory, sia per la clientela private, che per quella istituzionale in Italia.

Banca Generali torna così in prima linea nel mercato del private banking, evidenziando la necessità di consolidare il proprio business. Il settore bancario non ha attraversato mesi facili, ed operazioni di finanza straordinaria possono essere la chiave per trasmettere stabilità al mercato.

Attualmente, non sono ancora noti i termini dell’accordo. Secondo fonti interne, Banca Generali dovrebbe comunicare il corrispettivo solo in occasione della conference call sui risultati del terzo trimestre. La fase transitoria si legherebbe ad alcune variabili legate alle performance di Nextam.

Nextam Partners conta oggi un portafoglio di circa 2500 clienti, per complessivi 5,5 miliardi di masse in gestione nella divisione advisory ed ulteriori 1,3 miliardi di masse in quella dell’asset management. Il capitale della boutique è in mano all’80% ai tre soci fondatori Carlo Gentili, Alessandro Michahelles e Nicola Ricolfi; il 20% fa invece capo ad altri azionisti italiani ed esteri.

Secondo una nota dell’istituto finanziario italiano, l’operazione "s'inserisce in un più ampio percorso di crescita avviato da Banca Generali nel private banking, finalizzato a rafforzare la gamma dei servizi offerti e le competenze distintive nell'asset management e nell'advisory".

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.