Asos, Natale col segno rosso. Sprofonda il titolo dopo il profit warning

Azioni del rivenditore di abbigliamento online in calo del 40% sul listino inglese. Il gruppo ha rivisto le stime di vendita per l'anno 2018-2019, abbassando anche le attese di profitto. Male l'intero settore retail: Zalando perde oggi il 14%; JD sports il 6,3%; H&M il 5,8%.

Asos
Fonte: Bloomberg

Natale in rosso per Asos, che avvia le contrattazioni di settimana con un ribasso a Londra del 40%. Il gruppo di moda online ha tagliato oggi le previsioni annuali di vendita, con un trend così negativo da farlo diventare il peggior rivenditore britannico del mese di novembre.

Asos ha quindi rivisto i propri margini di profitto, ricalibrandoli in vista di un periodo meno florido delle attese e sul quale, a detta di fonti interne, ha pesato l’incertezza economica e l’indebolimento della fiducia dei consumatori.

Feste rovinate e niente brindisi nel Natale 2018 di Asos, che ha ridotto le previsioni di crescita delle vendite per l'anno 2018-19 al 15%, rispetto a stime precedenti prossime al 20-25%. Contestuale è stato il taglio degli utili attesi, con un Ebit sceso del 2% circa, rispetto ad un precedente 4%.

Il titolo, che la scorsa settimana si è avvicinato alla soglia dei 40 pound per azione, restando però al di sopra di tale supporto, ha aperto oggi la giornata sotto quota £30, dirigendosi poi in prossimità del livello a £25. Con un minimo odierno a ridosso dei £23,80, la quotazione è tornata sui minimi da gennaio 2015.

Il problema della propensione all'acquisto dei consumatori, acuitosi col farsi avanti dei timori di un rallentamento diffuso della crescita economica, non penalizza la sola Asos: nella giornata di luned' riversano in territorio negativo altri nomi celebri del settore, tra cui, in primis, Zalando, in calo del 14%, JD Sports, in rosso del 6,3% e H&M, che si lascia indietro il 5,8%.

Asos dovrebbe quindi ridurre le spese in conto capitale a 200 milioni di sterline. "Sebbene a settembre e ottobre l’attività sul mercato fosse sostanzialmente in linea con le nostre aspettative, novembre, un mese molto importante per noi sia dal punto di vista delle vendite che del margine di cassa, è stato significativamente al di sotto delle aspettative", hanno fatto sapere da Asos.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.