Asos, crollano i profitti (-87%), vola il titolo (+15%): tre lezioni da imparare

Crolla l'utile ante imposte di Asos, mentre si stabilizzano le vendite. Rally delle azioni Asos alla borsa di Londra. Cosa c'è dietro? Tre regole fondamentali: l’investimento (Seo) necessita di tempo, la qualità si paga e...

Asos Fonte: Bloomberg

Crollano i profitti di Asos, con un utile semestrale ante imposte in calo dell’87%, nonostante un incremento delle vendite del 14%. Ad attirare l’interesse dei mercati è stata però la reazione di borsa, col titolo che sul listino di Londra ha innescato un rally, in crescita fino al +15%.

A pesare sui risultati ante imposte del periodo conclusosi lo scorso 28 febbraio sono state anzitutto le difficoltà generate dal cambio della strategia di marketing, che ha comportato un calo delle visite web ed un declassamento a livello di indicizzazione sui motori di ricerca. L'azienda ha dichiarato di essere però riuscita a stabilizzare le vendite, che nel periodo hanno toccato 1,3 miliardi di sterline (+14%). Non solo: Asos ha confermato la propria guidance per l’anno in corso, sostenendo che gli effetti degli investimenti sostenuti si tradurranno in profitti già a partire dalla seconda metà dell’esercizio in corso.

Asos, lezione 1: la ricerca (Seo) necessita di tempo

Secondo l'amministratore delegato, Nick Beighton, l’azienda "può fare meglio" su diversi fronti, specie ora che gli investimenti fatti per l’ottimizzazione dei portali d’acquisto hanno conferito al rivenditore una "maggiore fiducia", che si tradurrà in migliori prestazioni nella seconda metà dell'anno.

"Abbiamo una piattaforma tecnologica, una buona infrastruttura ed una relazione diretta e costante con la nostra clientela, che ama l'ampia gamma di prodotti offerti e la continua evoluzione dei marchi che presentiamo loro" ha argomentato Beighton.

Per restare competitiva, Asos ha lanciato oltre 200 micrositi localizzati, sviluppati parallelamente al sito web ufficiale, aventi l’obiettivo di arrivare al target della clientela. Questo ha però penalizzato il flusso complessivo di visite al sito principale e, dunque, il posizionamento di Asos all'interno dei motori di ricerca.

Asos, lezione 2: la qualità che si paga, ripaga!

Lo scorso dicembre Asos ha lanciato un warning sui profitti del gruppo, confermando il fallimento della strategia testata dal colosso: tagliare al minimo i prezzi dei prodotti per competere coi rivali del settore non ha portato allo sperato incremento delle vendite, generando anzi dubbi tra gli investitori circa la sostenibilità del business aziendale. Le azioni Asos sono arrivate a perdere il 40% del proprio valore.

Archiviato il recente scivolone, Asos resta comunque un’azienda giovane, dinamica, con una storia in crescita che può beneficiare di una solida base di clienti internazionali.

Asos, lezione 3: la vanità dei social ha un costo

All'inizio dell'aprile 2018, Asos ha annunciato il cambio della politica sui resi: il tempo concesso per la restituzione di articoli indesiderati passava da 28 giorni a 45 giorni, applicando però controlli più scrupolosi al reso effettivo. La tendenza di alcuni utenti a non mostrarsi sui social due volte col medesimo abito ha infatti spinto il gruppo ad imporre una nuova regola: nel caso di sospetti fondati circa il fatto che la persona abbia indossato almeno una volta la merce acquistata, il reso sarebbe stato annullato e l’account disattivato.

Asos ha quindi apportato modifiche al modo in cui i clienti navigano sul sito Web principale, dando maggior visibilità ai nuovi arrivi e ridisegnando i menu di navigazione per rendere più chiare le categorie di prodotti.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.