Week Ahead: 24 – 28 Settembre. Secondo round di dazi!

Prende il via la seconda ondata di dazi reciproci tra Usa e Cina, mentre sullo sfondo la Fed si prepara al terzo rialzo dei tassi, guadagna consensi l'ipotesi NoDeal per la Brexit e l'Italia alza il velo sul Def.

bg_shipping_1310909
Fonte: Bloomberg

La settimana si presenta piuttosto densa di appuntamenti interessanti. Dopo l'annuncio della scorsa settimana, partiranno le nuove tariffe reciproche tra Usa e Cina. Le tariffe più basse delle attese (10% contro il 25%) hanno spinto gli investitori a sperare in accordo entro gennaio 2019. La decisione di Trump andrebbe tutto a suo vantaggio, dato che, da un lato, continua a mostrare fermezza nella guerra commerciale che sta portando avanti e, dall'altro, prende tempo per una nuova fase di negoziazioni in modo tale da lasciare gli investitori appesi alla speranza di un accordo.

Rimanendo negli Usa, un primo responso sulla questione dazi potrebbe arrivare dalla Federal Reserve, che oltre ad annunciare il terzo rialzo dei tassi d'interesse dell'anno, rivedrà le stime di crescita e dell'inflazione. Al di là della retorica, il messaggio che potrebbe venire fuori dalla conferenza stampa di Jerome Powell potrebbe riguardare dei timori solo nel medio periodo derivante dai dazi, ma nessun effetto di breve termine.

Tornando in Europa, l'attenzione degli operatori torna a concentrarsi sulla Brexit, dopo gli sviluppi delle ultime sedute. L'ipotesi di No Deal sembra guadagnare consensi dopo le parole pronunciate da Theresa May a seguito della bocciatura del piano Chequers da parte della Ue. La May si trova stretta in una morsa che vede da un lato i Brexiteers premere per un approccio più mentre dall'altro la Ue che ha bocciato il piano più soft che la May potesse fare. Insomma, di tempo ancora ce n'è (novembre), ma devono essere fatti degli sforzi da ambo le parti per scongiurare il peggio.

Infine, sotto i riflettori finirà anche l'Italia, che dovrebbe rilasciare la nota di aggiornamento al Def, dove saranno incluse le linee programmatiche della prossima legge di bilancio. Il recupero dei BTp si è fermato negli ultimi giorni dopo le nuove voci di pressioni sul Ministro Tria da parte del vice premier, Luigi Di Maio. La volatilità potrebbe accentuarsi nelle prossime sedute e non escludiamo una prosecuzione del rally dei bond governativi se la linea di Tria e del premier Conte, ovvero un deficit/Pil all'1,6% per il prossimo anno, dovesse concretizzarsi.

Lunedì 24 Settembre

Indice IFO fiducia delle imprese settembre, Germania

Indice CFNAI agosto, USA

Indice Dallas Fed settembre, USA

Martedì 25 Settembre

Prezzi abitazioni Case-Shiller luglio, USA

Fiducia consumatori settembre, USA

Mercoledì 26 Settembre

Annuncio di politica monetaria della Czech National Bank (CNB), Repubblica Ceca

Vendita nuove case agosto, USA

Scorte settimanali di petrolio, USA

Annuncio di politica monetaria della Federal Reserve (FED), USA

Annuncio di politica monetaria della Reserve Bank of New Zealand (RBNZ), Nuova Zelanda

Giovedì 27 Settembre

Indici fiducia settembre, Eurozona

Stima flash tasso inflazione settembre, Germania

Ordini beni durevoli agosto, USA

Terza lettura PIL 2T, USA

Bilancia commerciale beni agosto, USA

Nuove richieste settimanali sussidi disoccupazione, USA

Indice pending home sales agosto, USA

Venerdì 28 Settembre

Tasso inflazione settembre, Giappone

Stima flash tasso inflazione settembre, Eurozona

Redditi e consumi personali agosto, USA

Chicago PMI settembre, USA

Fiducia consumatori Univ. Michigan settembre finale, USA

Trivelle settimanali attive Baker Hughes, USA

Discorso di John Williams, governatore della Federal Reserve di San Francisco (votante)

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.