Market Update - Caos Brexit, May in bilico, sterlina e banche pagano dazio

Le borse europee provano a reagire dopo la giornata convulsa di ieri.

Theresa May

Scambiano in territorio positivo le borse europee in scia al recupero di Wall Street di ieri sera. Il rialzo rimane contenuto, la volatilità molto alta e cmq la performance settimanale potrebbe essere con il segno meno. Tutto questo denota come il mood degli operatori rimanga ancora piuttosto cauto e incerto con molte incognite all'orizzonte.

A partire dalla Brexit, che ieri ha rubato la scena sui mercati, in una seduta molto convulsa per la sterlina.
Theresa May ha ribadito il suo intento a portare avanti l'accordo attuale definendolo come il migliore possibile per il Paese, sottolineando come la Ue non accetterà nessuna variazione che non contempli il backstop sui confini irlandesi. Ora la parola passa al Parlamento Ue che il 25 novembre dovrà votare l'accordo attuale e solo dopo si esprimerà quello britannico, dove il rischio di bocciatura rimane molto alto. La May ha anche escluso un nuovo referendum, sottolineando come la volontà del popolo andrebbe rispettata e cmq il 29 marzo il Regno Unito lascerà l'Europa.

Il caos sta penalizzando la sterlina e le banche inglesi, che anche oggi continuano a perdere terreno. RBS è scivolato così ai minimi da quasi due anni. Stamane la sterlina non sembra avere la forza di reagire e rimane vicina ai minimi di ieri. Tra le altre valute, l'euro/dollaro sembra difendersi poco sopra 1,13 in un contesto di forte incertezza.

Gli investitori continuano a guardare gli sviluppi sulla guerra dei dazi. La lettera inviata da Pechino a Washington è stata criticata da alcuni esponenti del governo in quanto presenterebbe delle criticità non di poco rilievo. Tra gli indici la volatilità rimane altissima, nonostante il rimbalzo di ieri di WS. Solo un superamento dei massimi di inizio mese potrebbe mettere gli indici al riparo da nuovi imminenti cali.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.