Guerra dei dazi fuori e dentro gli Usa: l'ira di Trump su General Motors

Settore auto sotto pressione: Donald Trump ha annunciato il taglio dei sussidi a GM successivi al progetto di ristrutturazione, con la chiusura di 5 stabilimenti ed il licenzialemnto di 14mila lavoratori. Dopo il G20 d'Argentina (ed il confronto col presidenre Xi Jinping) gli Usa valutano l'introduzione di dazi al 25% su tutte le vetture estere.

Vehicles
Fonte Bloomberg

“Sono molto deluso da General Motors e dal suo CEO, Mary Barra, per la decisione di chiudere gli stabilimenti in Ohio, Michigan e Maryland; nessuna chiusura in Messico e Cina. Gli Stati Uniti hanno salvato GM e questo è il ringraziamento che otteniamo! Valuteremo un taglio dei sussidi concessi al gruppo, inclusi quelli per le auto elettriche”.

Non si placa l’azione di Donald Trump che, al fine di “proteggere i lavoratori americani”, ha minacciato ieri via Twitter la storica casa d'auto, che non potrà più contare sul sostegno dello Stato.

General Motors ha annunciato martedì il proprio piano di ristrutturazione, che prevede la chiusura di cinque impianti nel Nord America ed il taglio di 14.700 posti di lavoro (tra operai ed impiegati). Misure, queste, volte a rendere il gruppo più competitivo; non sono però mancati i timori che una nuova, futura, recessione sia alle porte.

In un periodo di per sé teso sul fronte del commercio e della produzione, l’azione del Presidente statunitense non si è quindi limitata ai solo scambi oltre confine e ai rapporti internazionali, ma ha spostato il proprio focus sui player dell’economia domestica.

Trump: dazi sul settore auto (anche europeo) al 25%

Se General Motors ha perso ieri a Wall Street oltre il 2 per cento, l’intero settore automobilistico non ha attraversato una giornata positiva (-3,88% Volkswagen a Francoforte e -1,58% Fiat Chrysler a New York). I titoli del comparto auto sono stati colpiti dall’indiscrezione che l’amministrazione Trump starebbe considerando l’introduzione di dazi sulle vetture importate dall’estero (Europa compresa) già a partire dalla prossima settimana, dopo il meeting d’Argentina di questo week end.

La tariffa in esame dovrebbe attestarsi al 25%, da questa, dovrebbero esser esclusi i mercati di Canada e Messico.

Usa - Cina: atteso il confronto Trump - Xi al G20

In attesa di vedere se alle parole faranno seguito i fatti, l’attenzione rimane alta sul meeting di Buenos Aires, dove i due presidenti di Cina e Stati Uniti avranno modo di dialogare in merito alle future politiche commerciali che intenderanno perseguire: sui mercati si alternano le opinioni di chi ritiene impossibile l’accordo tra Xi Jinping e Donald Trump, e chi invece sostiene che, per la Cina, il minore dei mali è accontentare gli Stati Uniti, uscendo da quei mercati core a stelle e strisce che tanto stanno a cuore al Tycoon.

Lo scontro tra le due potenze, tuttavia, va al di là del commercio: la competizione non è più solo sul mercato, ma sulla supremazia mondiale, desiderio che rende la Cina e gli Stati Uniti acerrimi rivali in ambito geopolitico, creativo, di proprietà intellettuale e diritti d’autore.

“General Motors ha scommesso molto sulla Cina anni fa quando ha costruito là (e in Messico) i propri impianti. Non penso però che tale scommessa stia pagando. Sono qui” ha chiosato Trump “per proteggere I lavoratori americani”.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.