Zona euro, dati in calo. Deludono Germania e Francia. Bce: focus rallentamento crescita

Eurozona: indici PMi e direttori degli acquisti sotto il consenso. Male il settore manifatturiero tedesco. Euro in calo prima del meeting Bce. Alle 14:30, speech di Mario Draghi: attesi tassi invariati ed un approccio "colomba".

Fonte: Bloomberg

Giornata decisamente negativa sul fronte dati per l’Eurozona. Mentre i mercati del Vecchio Continente si preparano a scandagliare ogni parola del Governatore della Banca centrale europea (Bce), Mario Draghi, che interverrà oggi a Francoforte commentando un contesto economico in fase di evidente rallentamento, stamane è stata la volta degli indici dei direttori acquisti del settore manifatturiero.

Francia: delude l'indice PMI composito

La prima a render noti i propri numeri è stata Parigi: il PMI manifatturiero francese di gennaio è cresciuto a 51,2 punti, sopra la soglia dei 50 attesi e in aumento rispetto ad un dato precedente a 49,7. Preoccupa però la rilevazione del PMI composito, scivolato a 47,9 punti a gennaio, contro stime a 51 (a dicembre era 48,7), sui minimi da 50 mesi.A deludere sono stati invece gli acquisti del settore terziario, calati sotto il livello dei 50 (che divide una fase di espansione economica da una di contrazione), a 47,5.

Germania: calano gli acquisti settore manifatturiero

Dopo aver registrato un calo del Pil (-0,2% nel terzo trimestre 2018) e della produzione industriale (scesa a novembre a -2,6%, il maggior calo da ottobre 2014), la Germana ha incassato oggi un dato sull’indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero in calo al di sotto della soglia dei 50 (a 49,9) contro attese a 51,4. È il calo più marcato da dicembre 2014. Meglio è andata invece al settore servizi, cresciuto alla volta dei 53,1, oltre le stime di 0,9 punti.

Eurozona: rischio rallentamento crescita economica

Infine, l’Europa. I numeri pubblicati in mattinata inerenti a PMI manifatturiero (50,5), indice composito dei servizi (50,7 sui minimi da 66 mesi) e acquisti del settore servizi (50,8, il calo più marcato dall’estate 2013) sono risultati tutti sopra la soglia chiave dei 50, ma inferiori rispetto alle attese (tra 51,4 e 51,5).

L’annuncio di risultati deludenti, assieme con l’attesa di quanto la Bce deciderà di fare nel corso dei prossimi mesi, ha spinto a ribasso l’euro, in calo dello 0,3% contro dollaro (a ridosso di 1,1350). Più marcata la perdita di valore registrata dalla divisa unica contro il franco svizzero, a ribasso giovedì di circa 35 punti base.

Il mercato resta ora in attesa del meeting Bce di oggi pomeriggio. Dopo aver confermato tassi d’interesse a zero e disponibilità dell’istituto centrale ad intervenire con nuove disposizione in caso di necessità, la discussione dovrebbe vertere attorno al problema del rallentamento dell’economia globale. In tale ottica, gli osservatori non escludono che, già a partire da oggi, Mario Draghi possa annunciare l'intenzione di mantenere un costo del denaro invariato fino a fine anno. Il mandato di Draghi scadrà il 31 ottobre 2019.

La conferenza stampa del Governatore Mario Draghi, live da Francoforte, è in programma oggi alle ore 14:30.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.