Week Ahead: 14-18 Gennaio, voto decisivo sulla Brexit

Agenda dei principali eventi economici della settimana

181220-brexit-1

Settimana nervosa per le Borse sulla scia delle tante tensioni politico-economiche. Negli Stati Uniti Donald Trump continua a minacciare di usare lo stato di emergenza nazionale per sbloccare l’impasse dello shutdown delle attività del governo federale mentre continuano le negoziazioni tra l’amministrazione statunitense e quella cinese per un possibile accordo sui dazi (indiscrezioni sull’annuncio di una intesa al forum di Davos a fine mese).

La prossima ottava avrà l’appuntamento più importante martedì quando alla Camera dei Comuni si voterà per il soft deal sulla Brexit concordato da Theresa May con la Commissione Europea.

Lunedì 14 Gennaio

Produzione industriale; Zona euro.

Martedì 15 Gennaio

Bilancia commerciale; Zona euro.

Indice Empire Manufacturing; Stati Uniti;

Prezzi alla produzione, Stati Uniti;

Vendite di case esistenti, Canada.

Voto alla Camera dei Comuni sull’accordo per la Brexit, Regno Unito.

Mercoledì 16 Gennaio

Ordini di macchinari, Giappone;

Prezzi nuove case, Cina;

Inflazione, Germania;

Inflazione, Regno Unito;

Prezzi alla produzione, Regno Unito;

Vendite al dettaglio, Stati Uniti;

Prezzi alle importazioni, Stati Uniti;

Scorte delle imprese, Stati Uniti;

Indice mercato immobiliare NAHB, Stati Uniti;

Scorte di petrolio e derivati, Stati Uniti;

Beige Book, Federal Reserve, Stati Uniti.

Giovedì 17 Gennaio

Produzione del settore delle costruzioni, Zona euro;

Inflazione, Zona euro;

Inflazione, Italia;

Nuovi cantieri residenziali, Stati Uniti;

Licenze edilizie, Stati Uniti;

Richieste settimanali di disoccupazione, Stati Uniti.

Venerdì 18 Gennaio

Inflazione, Giappone;

Produzione industriale, Giappone;

Vendite al dettaglio, Regno Unito;

Inflazione, Canada;

Produzione industriale, Stati Uniti;

Indice fiducia consumatori Univ. Michigan, Stati Uniti;

Numero di trivelle attive Baker Hughes, Stati Uniti.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.