Usa-Cina lontani dall'accordo. Indice del dollaro sui massimi da sei settimane

Prima seduta dell'anno del maiale. Bene Shanghai: vendite di capodanno salite dell'8,5%. Preoccupazioni sulla crescita mondiale, rischio politico americano e relazioni commerciali Washington-Pechino rallentano i mercati.

Fonte: Bloomberg

Borse asiatiche poco mosse dopo le festività di capodanno, scosse dalle preoccupazioni di crescita mondiale, dalla variabile politica americana e dall’accordo tra Washington e Pechino che, a poche settimane dalla scadenza della tregua commerciale, sembrano ancora ben lungi dal trovare un accordo.

Entrati ormai nel vivo dell’anno del maiale, a beneficiare delle recenti dinamiche è stata la divisa statunitense, col dollaro americano salito verso i massimi da sei settimane contro il paniere delle principali valute.

Ad aiutare i listini asiatici in una giornata apertasi all’insegna della debolezza, sono state le parole del ministero del commercio, che ha dichiarato che le vendite al dettaglio registrate durante la festa del nuovo anno lunare sono saliti dell'8,5% rispetto al medesimo periodo dell'anno scorso.

Shanghai ha concluso la seduta in crescita dell’1,2%, seguita dallo 0,45% di Hong Kong e dallo 0,72% di Taiwan.

Negoziati Stati Uniti-Cina: incertezza sull'accordo

Se i negoziati tra Stati Uniti e Cina non dovessero progredire sufficientemente entro il primo marzo, l’amministrazione Trump innescherà l’aumento delle tariffe dal 10% al 25% su $200 miliardi di beni d’importazione cinese. Questa settimana, il segretario al tesorio, Steve Mnuchin, ed il rappresentante al commercio, Robert Lighthizer, saranno a Pechino per proseguire coi dialoghi. 

La scorsa settimana, il presidente degli Stati Uniti ha aggiunto di non avere intenzione di incontrare il presidente cinese Xi Jinping prima della scadenza del 1 marzo per raggiungere un accordo commerciale; accordo, che resta ancora incagliato su una delle questioni madre della guerra in atto: il furto di proprietà intellettuale cinese ed il trasferimento forzoso di tecnologia americana ad oriente .

In un quadro di per sé non facile, ad aggiunger preoccupazione ai mercati è stato il peggioramento del dialogo tra parlamentari democratici e repubblicani, uno scontro politico che, partendo dalle diverse posizioni sul fronte dell’immigrazione, rischia nuovamente di bloccare il governo (come successo a partire dalla seconda metà di dicembre, perdurato poi per oltre un mese).

Secondo gli analisti di Wall Street, inseriti nel quadro d'insieme, i guadagni del primo trimestre delle aziende S&P500 dovrebbero diminuire dello 0,1% rispetto all'anno precedente, il che rappresenterebbe il primo calo trimestrale degli utili dal 2016.

Trova un articolo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sul forex

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sulle azioni

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sugli indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.