Torna la fiducia sulla crescita cinese. Giappone, Australia e Corea brindano a Pechino

Indice manifatturiero PMI Caixin in espansione, oltre le attese. Shanghai guadagna il 2,6%, Hong Kong l'1,65%. Bene anche le borse di Tokyo, Sydney e Seul. Progressi dei colloqui commerciali Usa-Pechino spingono la fiducia.

PMI China Fonte: Bloomberg

La rilevazione positiva sull’indice manifatturiero PMI – Caixin cinese e i progressi compiuti sul fronte dei negoziati Cina-Stati Uniti infondono positività ai mercati asiatici. Shanghai chiude così la prima seduta di settimana e del mese di aprile in crescita del 2,60%, seguita dal +1,65% di Hong Kong. Bene anche Tokyo con un +1,45%, nonostante i dati poco incoraggianti rilevati dall’indice Tankan sulle condizioni economiche dei grandi produttori manifatturieri locali e delle aziende non manifatturiere.

Economia cinese: migliora il PMI, torna la fiducia

I mercati hanno preso confidenza con gli acquisti dopo che l'indice ufficiale degli ordini in Cina (PMI) di marzo ha mostrato per la prima volta in quattro mesi una crescita delle attività manifatturiere pari a 50,8, sopra la soglia di espansione di 50 e oltre le attese a 50,1. In linea con i dati soddisfacenti, anche la crescita dei lavoratori impiegati nell’industria, che ha registrato la più grossa espansione mensile dall’ottobre 2013.

Se sostenuto da ulteriori rilevazioni, il miglioramento delle condizioni economiche del Dragone potrebbe allentare i timori che la Cina possa scivolare in una fase di recessione economica. Non solo: il miglioramento dei principali indici di riferimento potrebbe essere indicatore del fatto che le misure di allentamento attuate dal governo stanno pian piano prendendo piede, confermando un ulteriore sostegno all’economia locale da parte dello stato.

Giappone, Australia e Corea del Sud in mano alla Cina

Le rilevazioni odierne mostrano come sempre più le economie ad oriente dipendano dal benessere cinese: se è ormai evidente come il mercato del Giappone si muova in direzione analoga alle news di Pechino, anche Australia e Corea del Sud seguono gli sviluppi della seconda (e per certi versi già prima) economia al mondo: gli indici di Sydney e Seul hanno concluso oggi le contrattazioni a +0,60% e +0,65%.

A seguito dei colloqui commerciali di venerdì scorso a Pechino, Stati Uniti e Cina hanno confermato di aver fatto significativi progressi. Secondo Washington, inoltre, i negoziati sono stati "trasparenti e costruttivi”. Le speranze che le maggiori potenze al mondo possano raggiungere un accordo già a partire da questo mese stanno paventando un avvio di trimestre positivo per i principali listini azionari di tutto il mondo.

Mercato del Forex: yuan il apprezzamento

Il miglioramento dell’industria cinese ha spinto a rialzo anche il renminbi: il cambio USD/CNH è arrivato a toccare un minimo a 0,6706, sui livelli di apertura di venerdì 22 marzo.

Positiva anche la reazione dello yuan contro la divisa giapponese: la coppia CNH/JPY è tornata a testare area 16,580, ribilanciandosi poi sopra la soglia di 16,550.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.