Theresa May su Brexit. Il piano B? Un piano A senza backstop. No-deal resta opzione

Poche novità sul fronte Brexit: unica via, il soft deal a firma May. L'opzione uscita senza accordo resta sul tavolo. Nuovo voto in Parlamento il 29 gennaio. Discussioni con Ue su backstop e confine irlandese.

Fonte: Bloomberg

Theresa May ferma sulle proprie posizioni: l'unico accordo possibile di uscita dall'Unione europea resta l'accordo per una soft Brexit, già discusso con l'Europa. Margini di modifica? Solo uno: quello sul backstop e sulla divisione dell'Iralnda in caso di mancato accordo.

Un piano B uguale al Piano A

Alla scadenza dei cinque giorni successivi alla bocciatura del testo votato lo scorso martedì alla Camera dei Comuni, Theresa May è tornata in loco per presentare il proprio piano B.

Nessuna revoca dell'Articolo 50 (per spostare in là il termine di separazione definitiva dall'Unione del 29 marzo), nessun referendum bis (che, allo stato dei fatti, non sarebbe apprezzato dalla maggioranza dei rappresentanti), no alla rimozione dal tavolo dell'opzione no-deal (naturale conseguenza nel caso non si concordasse su un testo finale), sì alla ridiscussione sul backstop d'Irlanda (il meccanismo di garanzia per mantenere le frontiere irlandesi aperte, onde evitare che il Paese venga diviso in due al momento dell'uscita del Regno Unito).

Si vota di nuovo il 29 gennaio

La Camera dei Comuni tornerà al voto il prossimo 29 gennaio, quando sarà chiamata ad esprimersi su un testo largamente analogo al precedente, seppur con una consapevolezza in più: l'unbico deal possibile è quello a firma May, l'unico modo per evitare un no-deal è scegliere il deal a firma May.

Voci di corridoio da Downing Street definiscono altamente "improbabile" il raggiungimento di un verdetto finale prima di febbraio, vedendo nel voto successivo al prossimo statement del 29 gennaio solo un appuntamento transitorio.

La sterlina ha reagito positivamente all'annuncio di Theresa May, guadagnando terreno sia contro dollaro (+0,2%) che contro euro (+0,25%).

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.