Commissione Ue boccia l'Italia: crescita in retromarcia e rischio per l'Unione. Piazza Affari fiacca

L'Italia non convince: preoccupano elevati livelli di debito, minor credito al mercato e riforme politiche che rischiano di toglier slancio all'economia. Ftse Mib poco mosso, giornata no per tutti i listini. Spread Btp/Bund a 263.

Fonte: Bloomberg

Squilibri economici eccessivi che potrebbero minare la stabilità delle altre economie europee. Così si è espressa la Commissione europea che, come da attese, ha nuovamente bocciato l’Italia.

Italia: resta il problema dell'eccessivo debito

Al centro dell’analisi ancora una volta l’eccessivo livello di debito, nonché una “protratta scarsa produttività” che si accompagna ad un contesto di riferimento dove la quota di crediti non performanti in pancia alle banche europee resta ancora troppo elevata e in cui la disoccupazione resta tra i fattori di rischio. Complessivamente, la quota di non occupati nel Vecchio Continente si attesta al 7,9%; quella italiana tocca invece il 10,3%. Secondo la Ue, inoltre, l’Italia ha compiuto buoni passi avanti nelle operazioni di riduzione degli npl bancari (calati di 70 miliardi nel 2018 rispetto ai 264 miliardi del dicembre 2017), ma le più difficili condizioni di mercato del prossimo futuro rallenteranno il ritmo delle cessioni.

La decisione, già in parte scontata dal mercato, non ha avuto particolari effetti sull’indice di Milano: in una giornata per lo più negativa per tutti i listini del Vecchio Continente, il Ftse Mib, in calo dello 0,2%, risulta essere il miglior paniere d’Europa. Poco mosso anche lo spread tra titoli di stato italiani e tedeschi, col differenziale Btp/Bund in crescita del 2% circa, a 263 punti base.

Secondo quanto riportato in mattinata dall’autorità Ue, difficilmente l’Italia riuscirà a ridurre i propri livelli di debito alla luce delle deboli prospettive macroeconomiche e di una riforma politica che “non aiuta la crescita”. I piani di bilancio meno espansivi previsti dal Governo giallo-verde, inoltre, implicheranno “un deterioramento dell'avanzo primario".

La commissione Ue si è inoltre sbilanciata sull’attività del credito, evidenziando che “tassi più alti rispetto ai livelli d’inizio 2018 stanno intaccando i costi di funding bancario e i buffer di capitale” fattori che andranno a pesare sul credito complessivamente concesso all’economia del Bel Paese e sui livelli di produttività

Commissione Ue scettica sulla manovra di Governo

Guardando alla pluricontestata manovra 2019, inizialmente bocciata dalla Ue per l’eccessivo rapporto deficit/Pil (2,4%, ridotto poi al 2,04%), le disposizioni varate dal nuovo Governo in carica andrebbero ad intaccare “importanti riforme fatte in precedenza, in particolare sulle pensioni”; mancherebbero invece seri provvedimenti volti ad incentivare “il potenziale di crescita" dell’Italia.

"Nonostante sia stati fatti alcuni progressi” in termini di ripristino dei bilanci bancari, riforma del diritto fallimentare e politiche del mercato del lavoro, “lo slancio delle riforme” latita ora in una “fase di stallo”.
Il problema del debito, unito ai timori di un’economia che non brilla, ha portato il vicepresidente della commissione Ue, Valdis Dombrovskis a dichiarare che l’Europa “resterà vigile e monitorerà da vicino la situazione italiana" in vista della prossima valutazione di primavera. Solo allora sarà verificato "il livello di ambizione del programma nazionale di riforme".

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.