Brexit verso una proroga breve. Lettera di May a Bruxelles in vista del Consiglio Ue

Theresa May: richiesta di proroga breve (3 mesi) dell'Art. 50 ed esclusione dalle elezioni europee. Brexit al 30 giugno. Domani il vertice del Consiglio Ue per decidere: serve il voto unanime dei 27 Paesi. Pressioni sulla sterlina

Fonte: Bloomberg

Lettera all’Unione: proroga breve dell’Articolo 50 ed esclusione dalle elezioni europee di maggio. In vista del Consiglio europeo che avrà inizio domani, Theresa May non intende chiedere a Bruxelles una dilazione lunga della Brexit, lasciando fermo il termine al 30 giugno 2019, tre mesi dopo l’originaria scadenza. Londra dovrebbe inoltre restare fuori dal voto europeo di maggio, che riguarderà un futuro politico europeo dal quale il Regno Unito intende chiamarsi fuori.

In mattinata, il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker , ha smorzato gli entusiasmi, dicendo di non aspettarsi alcuna decisione importante nella due giorni di vertice che avrà inizio domani. Un nuovo vertice potrebbe dunque tenersi la prossima settimana.

La Brexit di Theresa May: troppi fallimenti in curriculum

Dopo aver subito ieri una ulteriore sconfitta alla Camera dei Comuni, quando lo speaker John Bercow ha vietato un nuovo voto all’accordo May per assenza di cambiamenti al testo presentato l’ultima volta in Parlamento, la richiesta della premier inglese al vaglio di Bruxelles dovrà essere accolta all’unanimità da tutti e 27 gli Stati membri.

La proroga di tre mesi dovrebbe dare un po’ più di respiro ad un Parlamento inglese ben lungi dal trovare una quadra sulle modalità di uscita dall’Ue. L’incapacità della Camera di trovare una soluzione avrebbe fomentato la frustrazione della nazione che, oltre a non conoscere gli effetti che faranno seguito alla separazione dal blocco, vede ancora sul piatto alcune soluzioni che spaventano. Tra le altre, l’eventualità di un no-deal (nonostante i deputati abbiano votato contro tale opzione), l’opzione di nuove elezioni (che allungherebbe tempi ed incertezze) e l’eventualità remota di un secondo referendum (riguardo al quale gli inglesi sembrano essere contrari in larga maggioranza).

Brexit, più tempo per l'accordo a firma May: sterlina debole

La richiesta di una proroga di tre mesi si inserisce bene in un quadro a firma May, fin dal principio intenzionata a trovare la quadra di un accordo definito dalla stessa come “il migliore possibile”. Tra le questioni calde da risolvere, la chiusura del confine irlandese tra la regione dell'Irlanda del Nord e la Repubblica d'Irlanda, momentaneamente risolta con la clausola del backstop.

La precarietà della situazione ha riportato le vendite sulla sterlina, che mercoledì ha aperto gli scambi in calo. Sia contro dollaro che contro euro, il pound perde oggi circa lo 0,3%. La coppia EUR/GBP è tornata ad avvicinarsi al livello di 0,86, importante area di test. Il cambio GBP/USD è invece sceso fino a ridossi di 1,32 livello che a fine gennaio ha funto da punto di inversione a ribasso del trend.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.