Bce, Draghi annuncia il Tltro III. Da settembre 2019 nuova liquidità per le banche

Nuovo sostegno dalla Banca centrale europea agli istituti di credito dell'Eurozona. Mario Draghi annuncia un cambio di forward guidance: tassi fermi fino almeno a fine 2019. Stime di Pil e inflazione in calo. EUR/USD in calo.

Fonte: Bloomberg

Un comunicato stampa diviso per punti. Una riunione, quella del consiglio direttivo dell’istituto centrale dell’Eurozona, densa di annunci, sui quali il board avrebbe deliberato all’unanimità. Immediata la reazione del cambio EUR/USD, scespo dello 0,6% sull'annuncio di nuova liquidità.

Bce: tassi d'interesse fermi fino almeno a fine 2019

Al primo posto, il mancato rialzo dei tassi di interesse fino almeno alla fine del 2019 (non più, come da precedente comunicato, fino almeno all’estate 2019). Il consiglio direttivo della Banca centrale europea modifica così la propria forward guidance, allungando i termini prima di un eventuale rialzo del costo del denaro, che si avrà solo dopo la scadenza del mandato (31 ottobre 2019) dell’attuale governatore in carica, Mario Draghi.

Bce: politica accomodante ancora per lungo tempo

Al secondo punto, il reinvestimento per intero dei titoli in scadenza acquistati nell'ambito del programma di app (asset purchase programme) per un periodo prolungato, oltre la data in cui inizia la Bce deciderà di aumentare i tassi di interesse chiave, e in ogni caso per finché sarà necessario mantenere condizioni di liquidità favorevoli all’economia (accomodamento monetario).

Nella conferenza stampa che ha fatto seguito alla pubblicazione dello statement dell’ultimo meeting Bce, Draghi è tornato a rimarcare taluni aspetti fondamentali: la politica monetaria Bce è rimasta sempre accomodante; non sono mai state poste in atto misure restrittive (tightening); un approccio a sostegno dell’economia rimane fondamentale per sostenere inflazione e crescita economica.

L’istituto centrale ha infatti rivisto a ribasso ambo le voci per il prossimo triennio. Il Pil dell’area euro crescerà nel 2019 dell’1,1% (da 1,7%), nel 2020 dell’1,6% (da 1,7%) e nel 2021 dell’1,5% (da 1,5%); l’inflazione, che tenderà a calare nella seconda metà dell’anno, si attesterà invece all’1,2% nel 2019 (da 1,6%), all’1,5% nel 2020 (da 1,7%), all’1,6% nel 2021 (da 1,8%).

Tra le ragioni alla base del peggioramento delle stime, Draghi ha illustrato fattori esogeni ed endogeni. Esternamente peseranno il rallentamento dell’economia mondiale, il calo della Cina, il rischio brexit e, in generale, maggiori tensioni sul fronte commerciale; internamente all’eurozona il governatore ha evidenziato due principali rischi: il cambio di marcia del settore auto tedesco e l’Italia.

Bce: cos'è e come funziona il nuovo Tltro III

Terza voce, quella del Tltro (Targeted longer-term refinancing operations). L’istituto centrale ha deliberato una nuova serie di operazioni trimestrali di rifinanziamento, mirate a sostenere le attività di credito delle banche dell’Eurozona. L’operazione sarà lanciata a partire dal settembre 2019 e terminerà nel marzo 2021: ogni tranche avrà una scadenza di due anni. Ai sensi del Tltro numero 3, le controparti avranno diritto a prendere in prestito fino al 30% del monte dei prestiti “idonei” al 28 febbraio 2019 ad un tasso indicizzato al tasso d’interesse sulle operazioni di rifinanziamento. “Ulteriori dettagli sui termini precisi del Tltro-III saranno comunicati a tempo debito”.

Negativa invece la risposta fornita ai giornalisti, circa la possibilità di un nuovo Quantitative easing europeo, riguardo al quale non ci sarebbe stata alcuna discussione.

Ultimo punto, il prosieguo delle operazioni di prestito all’interno dell’euro sistema (gare a tasso fisso con piena assegnazione delle poste per il tempo necessario).

Mario Draghi: cambia la forward guidance

L’annuncio odierno fatto dall’istituto centrale ha stupito un mercato che si aspettava, a tendere, una operazione di Tltro, ma che pensava sarebbe arrivata più avanti. La prossima seduta dell’esecutivo è infatti fissata il prossimo 10 aprile, a quattro settimane appena dall’incontro odierno, riunione anticipata perché contingente alla Santa Pasqua.

“In una stanza senza luce devi muoverti a piccoli passi” ha riferito il governatore nelle battute finali. “Di certo non puoi correre, ma devi comunque muoverti...”.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.