Dax, fase di debolezza non sembra essere terminata

Sembra proseguire la correzione del Dax in scia con la fase di depressione che stanno attraversando le borse mondiali.

Ieri gli indici di Wall Street hanno terminato con un calo superiore all’1%. La performance di gennaio potrebbe essere la peggiore da maggio 2012. I volumi in fase di discesa rimangono molto sostenuti, mentre sui rimbalzi le mani forti restano fuori, segnale questo che la corsa è su un punti di svolta. Conferme arrivano anche dalla volatilità, con il Vix che si è portato ai massimi da oltre un mese, sopra quota 17.

L’attenzione oggi si sposta sui dati dell’inflazione preliminare di gennaio in Germania e sulla stima flash del Pil Usa del 4° trimestre. Il primo di questi darà un’anticipazione del dato a livello aggregato dell'eurozona in agenda domani. Entrambi saranno sotto stretta osservazione da parte della Bce per una decisione su una misura non convenzionale di politica monetaria per la prossima settimana.

La discesa sembra essere destinata a continuare. La prima area di supporto da monitorare rimane a quota 9.200 punti, al di sotto del quale si potrebbe aprire lo spazio per un’estensione della flessione sino all’area di 9.000 - 8.950 punti, minimi di fine ottobre e metà dicembre. La rottura di questi minimi sarebbe un primo segnale di inversione del trend. Le conferme arriverebbero, in primo luogo, dal mancato raggiungimento dei massimi precedenti e, poi, dal cedimento del supporto dinamico (trend line che congiunge i minimi degli ultimi due anni) in transito ora a 8.660 punti. Possibili rimbalzi potrebbero raggiungere la resistenza collocata a 9.380-9.400 punti e poi a 9.540 (top di ieri). Solo un superamento di questo riferimento allontanerebbe la debolezza attuale.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.