Usd/Chf, segnali di recupero dopo minimi da novembre 2011

Prosegue il recupero del cambio tra il dollaro statunitense e il franco svizzero, che questa mattina ha aggiornato i massimi degli ultimi due mesi a 0,9145.

Il recupero del biglietto verde, dopo il calo accusato nella seconda metà del 2013, sembra essere qualcosa più di un semplice rimbalzo tecnico.

La ripresa sembra essere conseguenza diretta della partenza della riduzione degli stimoli monetari (cosiddetto tapering) della Federal Reserve, la cui decisione è stata presa nell’ultimo meeting del 18 dicembre con effetti a partire da gennaio. Per ora il taglio è stato moderato. A dicembre gli acquisti mensili di asset sono stati abbassati a 75 miliardi di dollari a fronte degli 85 precedenti. Il mercato si sta creando l’aspettativa di un ulteriore taglio nel meeting della prossima settimana nonostante i recenti dati macro non siano stati particolarmente brillanti. Nell’ultima riunione di Bernanke, il Fomc potrebbe ridurre gli acquisti di altri 10 miliardi di dollari, in modo tale da alleggerire le pressioni che si creerebbero a marzo quando lo scettro della Federal Reserve passerà a Janet Yellen, che si troverà di fronte a un comitato molto aggressivo.

In un ottica di medio/lungo periodo, l’eliminazione totale del quantitative easing della Fed potrebbe riportare il cross Usd/Chf sino ai massimi del 2012, in area 0,9980-1.

In un ottica di breve periodo, il superamento dalla trend line ribassista (che congiunge i massimi di luglio e novembre 2013) avvenuta a inizio anno e il successivo test come supporto a questa linea ha rilanciato le possibilità di un’inversione del trend, dopo i cali che hanno caratterizzato l’ultima parte del 2013. Una conferma la avremo, però, con il superamento dei massimi di novembre a 0,9250, evento che getterebbe le basi per un allungo verso 0,9450 (top di settembre scorso). Attenzione al cedimento del supporto di 0,90-0,8985, minimi annuali al di sotto dei quali il cross potrebbe tornare a mettere pressione ai minimi di dicembre a 0,88.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.