Plosser: forward guidance da modificare, tasso di disoccupazione scenderà al 5,6% nel 2015

Forward guidance troppo passive tendendo conto delle condizioni economiche sottostanti

bg_federal_reserve_827681
Fonte: Bloomberg

Il governatore della Federal Reserve di Philadelphia e membro votante del FOMC (il braccio armato della FED), Charles I Plosser ha tenuto una interessante conferenza all’Economic Club di New York sull’andamento della politica monetaria negli States. L’argomento principale dell’intervento di Plosser è stato quello di illustrare i vantaggi di rendere le decisioni della FED in politica monetaria più sistematiche ovvero basate su regole certe e non scelte discrezionali. Il passaggio a un modello rules-based assieme a una grande trasparenza avrebbe il vantaggio di migliorare notevolmente la comunicazione, rendendola molto più efficiente. Uno dei primi passi per raggiungere tale obiettivo è quello di pubblicare, come fanno molte altre banche centrali, un bollettino mensile molto dettagliato sulle decisioni di politica monetaria.

Nel suo discorso Plosser ha inoltre parlato della sua view abbastanza ottimistica sull’andamento dell’economia americana. Plosser ha osservato che il PIL mostrerà una robusta crescita nonostante la debole performance del primo trimestre legata alle problematiche condizioni atmosferiche delle regioni industriali del Nord-Est, che l’occupazione continuerà a mostrare un forte incremento e che le aspettative d’inflazione di medio/lungo termine dovrebbero rimanere ancorate al 2% anche grazie alla “stance” accomodante della banca centrale del paese a stelle e strisce. Nel dettaglio le stime di Plosser sul PIL sono allineate con quelle dei colleghi della FED, sull’occupazione Plosser è molto più ottimista valutando che il tasso di disoccupazione possa diminuire al 5,8% a fine 2014 e al 5,6% a fine 2015. Sull’inflazione il numero uno della FED di Phila ritiene che possa stabilizzarsi al 2% nel 2015.

Plosser ha inoltre sostenuto che il raggiungimento degli obiettivi da parte della FED arriverà molto prima del previsto e che sarà necessario cambiare le forward guidance che, al momento, sono troppo passive rispetto alle condizioni economiche sottostanti.

Riteniamo che Plosser, considerato assieme a Fisher, presidente della FED di Dallas (da non confondere con Stanley Fischer nuovo membro FOMC ex presidente della Banca Centrale d’Israele), come uno dei principali “falchi” all’interno della commissione operativa, possa iniziare a discutere animatamente nei prossimi meeting del FOMC per cambiare rotta nelle strategie monetarie e anticipare così il rialzo dei tassi d’interesse. Al momento i falchi sembrano essere in minoranza rispetto alle colombe seguaci della Yellen. Se l’economia americana dovesse continuare a evidenziare risultati positivi l’equilibrio potrebbe cambiare in fretta e di conseguenza si modificherebbero velocemente le aspettative sui tassi, provocando conseguenze importanti sui mercati con un forte apprezzamento del dollaro e una correzione dei mercati azionari.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.