NFP US: superdato, +321k a novembre, ottima la crescita dei salari

Cambio eurodollaro scende sotto 1,23 dopo la pubblicazione del dato

bg_usd dollar united states new 1
Fonte Bloomberg

L’US Bureau of Labor Statistics (BLS) ha comunicato che, nel mese di novembre, sono stati creati, nei settori non agricoli, 321 mila nuovi posti di lavoro, dato ben superiore alle aspettative del consensus (+230k). Il tasso di disoccupazione è rimasto invariato al 5,8% rispetto al mese precedente. 
Positive le revisioni delle cifre dei mesi precedenti (settembre rivisto al rialzo dal +256k a +271k, ottobre da +214k a +253k). 
Poco mossi i tassi di disoccupazione dei vari gruppi, giovani (17,7%), donne (5,3%), uomini (5,4%), afroamericani (11,1%), asiatici (4,8%), ispanici (6,6%).
Buono il contributo di creazione di posti di lavoro del settore dei servizi (+86k), nel comparto retail del comparto manifatturiero (+28k) e del settore health care (+29k).
Interessante la crescita dei salari che ha mostrato un +0,4% rispetto al mese precedente ben superiore alle attese (+0,2%). Il dato è particolarmente seguito dalla Federal Reserve perché influenza direttamente anche la spesa per consumi (e di conseguenza il PIL).
 

Valutazione
Le cifre sul mondo del lavoro sono state particolarmente positive. La reazione più chiara alla pubblicazione del dato si è osservata sul grafico dell’eurodollaro con un marcato rafforzamento del biglietto verde sulla moneta unica. 
 
Il cross si è portato al di sotto di 1,23 toccando un minimo intraday a 1,2279. Il mondo del lavoro statunitense continua a evidenziare dati positivi e consistenti. La Federal Reserve è sempre più vicina a un aumento del costo del denaro. Unica preoccupazione sembra essere rimasta l’andamento dell’inflazione. Con il crollo dei prezzi energetici anche l’indice generale dei prezzi al consumo potrebbe essere influenzato e quindi ritardare la scelta di alzare il costo del denaro. 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.