Eur/Usd ai minimi da marzo 2015, carry trade in atto

La Yellen scatena gli acquisti sul biglietto verde, l'euro/dollaro scende sotto 1,05 per la prima volta da marzo 2015.

bg_usd dollar united states new 9
Fonte: Bloomberg

Non si arrestano gli acquisti sul biglietto verde dopo la riunione della Federal Reserve. Nella sostanza, sia il comunicato che i dots plot hanno rispecchiato le attese. Anche la Yellen è apparsa piuttosto cauta, nonostante i tre rialzi previsti per il 2017. Non crediamo, quindi, che l'appuntamento abbia riservato sorprese al mercato tale da giustificare le vendite su Wall Street.

Come giustificare i movimenti sul mercato? L'impressione è che tutto sia partito dal dollaro, oggetto di forti acquisti sull'aspettativa che la più importante Banca centrale del mondo sembra essere avviata a un percorso di rialzo dei tassi d'interesse più continuativo, dopo i rialzi singoli del 2015 e del 2016. Da qui:

- il dollaro si è apprezzato verso le valute emergenti, sulla scia che i tassi più alti dei Treasury possano richiamare l'appeal degli operatori a scapito degli investimenti diretti proprio nei paesi Emergenti;

- il dollaro si è rafforzato anche verso le valute di area soggette a politiche monetarie fortemente accomodanti, grazie al consueto carry trade. A risentirne particolarmente sono stati euro, yen e franco svizzero;

- le aspettative sempre più restrittive della Fed ha fatto finire sotto pressione i Treasury, con i rendimenti in deciso rialzo soprattutto sul segmento a 2 anni. Lo differenziale qui tra Usa e Germania ha toccato così i nuovi massimi da 16 anni. Anche lo yield sul decennale Usa è balzato ai massimi dall'estate 2014, superando la soglia di 2,60% e avvicinandosi sempre più ai livelli che potrebbero rendere questo asset più conveniente in una logica di rischio/rendimento rispetto all'equity;

- calo delle borse riconducibile a prese di profitto e, in minimi parte, al rialzo tassi sui bond, i cui rendimenti iniziano a ingolosire qualche operatore. Non siamo ancora ai livelli da permettere una grande rotazione di portafoglio, ma non manca molto.

Tornando al cambio EUR/USD, la discesa sembra aver trovato supporto per ora in area 1,0460, minimi di marzo 2015. Se questo livello dovesse resistere anche all'apertura di Wall Street e in generale nella seduta odierna, il pericolo di una sua rottura potrebbe sfumare. Possibili area di rimbalzo vedono le prime resistenze a 1,0570 e poi a 1,07. La violazione invece di tale supporto farebbe scattare tanti ordini sell che potrebbero riportarlo rapidamente a 1,03. A quel punto la parità sarà solo questione di tempo.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.