Eur/Jpy mette pressione a 141,30 in vista BCE

Rimane al ridosso dei massimi delle ultime sei settimane il cambio Eur/Jpy in vista del meeting della Bce di oggi. 

Non sono attese variazioni al livello dei tassi di interesse. Più discordanti i pareri sulle possibili manovre non convenzionali al vaglio della Bce.

Nelle ultime ore, a seguito anche dei recenti dati macro sui Pmi e sulle vendite al dettaglio, si sta creando un certo consenso sulla possibile sospensione della sterilizzazione del programma SMP, l’unica manovra che gode dell’appoggio da parte della Bundesbank. Draghi potrebbe approfittare sulle nuove stime su crescita e inflazione per lanciare ulteriori misure espansive.

Intanto l’ondata di risk on affiorata sui mercati nelle ultime ore sta tornando a penalizzare lo yen. La divisa nipponica. Lunedì sono attesi importanti dati macro proprio dal Giappone, in particolare la bilancia commerciale e il Pil. Saranno le ultime indicazioni che precederanno il meeting della Bank of Japan dell’11 marzo. Tra oggi e domani ci attendiamo volatilità in forte aumento su questo cross. Eventuali decisioni espansive dalla Bce potrebbero portare a una discesa della moneta unica verso le principali valute.

Dal punto di vista tecnico, il cross EUR/JPY è arrivato al ridosso di 141,30, massimi testati già due volte dal 28 gennaio scorso. L’eventuale break out di questo livello potrebbe portare il cambio fuori dalla lateralità (138,75 - 141,30) che l’ha caratterizzato nelle ultime settimane. Il superamento di questo livello aprirebbe a un allungo verso il target successivo collocato a quota 143. Rimane questo l’ultimo ostacolo importante prima che il cross torni a mettere pressione ai massimi di fine dicembre (a 145,70). Indicazioni ribassiste arriverebbero con il cedimento del supporto collocato in area 139 - 138,75, bottom testati più volte nelle ultime due settimane. Tale scenario aprirebbe a un’estensione della flessione in direzione del supporto dinamico dettato dalla trend line rialzista che congiunge i minimi crescenti dell’ultimo anno. Il target successivo rimane a 136,20, minimi di febbraio.

yen

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.