Eur/Cad, testa spalle in cerca di conferme

Cerca di difendersi il dollaro canadese dopo la debolezza delle ultime sedute e in attesa della pubblicazione di dati macro importanti.

Questo pomeriggio alle 13.30 sono attese le figure sulle vendite al dettaglio di gennaio e sul tasso d’inflazione di febbraio, che, in qualche modo, cercheranno di dare ulteriori indicazioni sull’andamento dell’economia canadese nei primi mesi del 2014.

Le vendite al dettaglio dovrebbero recuperare un po’ di terreno dopo i dati negativi degli ultimi mesi, mentre i prezzi al consumo dovrebbero rallentare all’1% dall’1,5% di gennaio. Non sarà un elemento da solo sufficiente a spingere la Bank of Canada (BoC) a tagliare ulteriormente i tassi di interesse. Ci vorranno anche vistosi rallentamenti del mondo del lavoro, i cui dati sono attesi il 4 aprile prossimo, e del mercato immobiliare per spingere l’Istituto centrale ad allentare le condizioni sul mercato.

Il dollaro canadese nelle ultime sedute si è deprezzato verso le principali valute. Ieri il cambio Usd/Cad ha aggiornato i massimi da luglio 2009, mentre l'Eur/Cad è salito a livelli che non si vedevano da dicembre 2009. Nel brevissimo, sul cross EUR/CAD si è aperto l’ipotesi di un testa-spalle ribassista. Sul grafico orario, infatti, il cambio sta mettendo pressione alla neck line che congiunge i minimi delle ultime due sedute, in transito a 1,5475. Il cedimento di questo supporto confermerebbe questa figura ribassista, con il target che si colloca a 1,5340, bottom settimanale. Solo un rimbalzo sulla neck line negherebbe il testa spalle e aprirebbe a un ritorno verso i massimi intraday a 1,5530 (le spalle) e poi a 1,5590 (la testa).

In ottica di medio periodo, il superamento di 1,5590, aprirebbe a un allungo verso 1,61, picchi di settembre 2009. La salita verticale dell’ultimo anno potrebbe aprire, però, a una fase di discesa temporanea. I primi supporti passano per 1,53 e poi per 1,5130. Il cedimento di quest’ultimo livello aprirebbe a un affondo più marcato verso 1,49, bottom da 7 settimane.

eur

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.