FCA-Ferrari, è spin off

FCA mette le mani al gioiello del gruppo. Nel primo Cda fuori dal Lingotto sono arrivate le decisioni storiche per Fiat Chrysler Automobiles (FCA).

bg_maserati_1387145
Fonte: Bloomberg

Dopo l’annuncio dei conti, peraltro abbastanza deludenti, il Cda ha annunciato lo scorporo del marchio Ferrari e il lancio del bond convertendo da 2,5 miliardi di dollari rivolto agli investitori istituzionali. A quest’ultimi sarà poi riservato il diritto a partecipare allo spin off di Ferrari. I dettagli sul rapporto di conversione e sul pricing verranno decisi in seguito, mentre il collocamento dovrebbe avvenire entro il 2014. Il punto più interessante riguarda senz'altro lo spin off di Ferrari, che verrà effettuato attraverso l'offerta pubblica del 10% del capitale di Ferrari in mano a FCA e la distribuzione della rimanente partecipazione agli azionisti di FCA stessi.

Il mercato sembra aver apprezzato due aspetti in particolare:

1. lo spin off del marchio Ferrari, il più riconosciuto a livello mondiale. In questo modo, il mercato potrà finalmente associare un valore a questo marchio prestigioso, che sinora era nascosto nella valutazione intrinseca del titolo. Inoltre l’appeal di questa operazione potrebbe fornire a FCA la liquidità necessaria per portare avanti i progetti di investimento annunciati nel piano industriale 2014-2018;

2. il lancio del bond convertibile, che allontana l’ipotesi dell’aumento di capitale. Il mercato attendeva con ansia questa data e le probabilità di un ricorso all’aumento di capitale erano salite nelle ultime settimane. La scelta, quindi, di optare per un bond convertibile, sebbene appaia costosa, viene apprezzata dal mercato, che non scontava questa possibilità.

La reazione sul mercato all’annuncio è stata violenta. Il titolo, che era arrivato anche a perdere anche lo 0,4% dopo l’annuncio dei conti, è subito schizzato al rialzo sulle news di spin off e sul lancio del bond convertibile, arrivando a segnare un rialzo del 18,3% (a quota 9,02 euro, massimo dal 23 aprile scorso).

I volumi sinora sono impressionanti. A Milano, sono passati di mano oltre 60 milioni di pezzi, mentre al NYSE, dopo più di un’ora dall’apertura degli scambi, abbiamo già triplicato i volumi dell’esordio. Il mercato era rimasto un po’ deluso dopo la quotazione a New York, visti i volumi particolarmente bassi. Tra gli investitori statunitensi sembrava essere forte l’attesa per il Cda odierno, visti i timori su un possibile aumento di capitale. Alla luce delle news odierne, sul titolo abbiamo una view positiva. Il superamento dell’area di 9 euro potrebbe creare le attese per salire sino a quota 10 euro, nostro target price entro fine anno.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Le basi del trading

  • Spiegazione sugli indici

    Scoprite la finalità degli indici azionari e come questi vengono elaborati. Imparate come ottenere una posizione su questi mercati volatili avvalendovi di uno dei prodotti di trading più diffusi al mondo.

  • Trading con i futures sugli indici

    Scoprite la finalità degli indici azionari e come questi vengono elaborati. Imparate come ottenere una posizione su questi mercati volatili avvalendovi di uno dei prodotti di trading più diffusi al mondo.

  • Introduzione

    Scoprite come gli analisti utilizzano i grafici per studiare il comportamento degli investitori e comprendere i pattern del mercato. Imparate a usare i vari tipi di grafici e a identificare i pattern di prezzo in formazione.

IG presta servizi di “execution-only” ovvero di mera esecuzione di ordini senza consulenza. Le informazioni presenti in questo sito non contengono (e non si deve in alcun modo supporre che contengano) raccomandazioni o consigli in ambito di investimenti, né uno storico dei nostri prezzi di negoziazione, né un’offerta o un sollecito a intraprendere un’operazione su un certo strumento finanziario. IG non può essere ritenuta in alcun modo responsabile per l’uso che si possa fare delle informazioni qui contenute e degli eventuali risultati che si potrebbero generare in base all’impiego di tali informazioni. Non si assicura inoltre l’accuratezza e la completezza delle suddette informazioni, che pertanto vengono usate e interpretate a proprio rischio. La ricerca inoltre non intende rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non e’ stata condotta in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e pertanto deve essere considerata come una comunicazione in ambito di marketing. La presente comunicazione non può essere in alcun modo riprodotta e distribuita.