Week Ahead: 2 - 6 Marzo

Apertura di settimana poco mossa per le borse europee, nonostante le notizie incoraggianti arrivate dalla Cina. 

Dax
Fonte: Bloomberg

Sabato la Banca centrale cinese (Pboc) ha tagliato i tassi di riferimento al 5,35% (-25pb), portandoli ai livelli che non si vedevano dal 2010. Si tratta del secondo taglio dopo quello di novembre ed era in gran parte scontato dagli operatori dopo il continuo rallentamento dell’inflazione. Buona anche la lettura dell’indice PMI manifatturiero di HSBC attestatasi a 50,7 punti, segnalando un ritorno all’espansione del comparto. È il dato più alto degli ultimi 7 mesi.

Ma a scaldare gli animi degli operatori saranno ancora una volta i dati statunitensi. A partire da oggi saranno resi noti gli indici ISM di febbraio, mentre mercoledì avremo la stima ADP sui posti di lavoro del settore privato. Il dato clou sarà venerdì quando sarà pubblicato il report del mondo del lavoro. I dati USA rivestono ora un’importanza primaria dopo che la Yellen ha dato spazio a una politica monetaria flessibile, attenta a molte indicazioni macroeconomiche.

In Europa, messa da parte per ora la questione greca, l’attenzione degli investitori sarà rivolta alla conferenza stampa della BCE di giovedì. Draghi dovrebbe svelare qualcosa in più sul QE in partenza proprio questa settimana. Certo, si tratta per lo più di dettagli, ma potranno avere un certo impatto sui listini.

Rimanendo sul fronte Banche centrali, attesi gli appuntamenti della Reserve Bank of Australia, della Bank of Canada e della Bank of England. Solo la prima potrebbe dare seguito a un taglio dei tassi, dopo quello del mese scorso.

Lunedì 2 Marzo

  • Indici PMI manifatturiero febbraio, EUROZONA
  • Tasso d’inflazione prel. febbraio, EUROZONA
  • Redditi e consumi personali febbraio, USA
  • Indice ISM manifatturiero febbraio, USA

Martedì 3 Marzo

  • Riunione di politica monetaria Reserve Bank of Australia, AUSTRALIA
  • PIL 4° trimestre, CANADA
  • Discorso Yellen sulla regolamentazione bancaria a New York, USA 

Mercoledì 4 Marzo

  • PIL 4° trimestre, AUSTRALIA
  • Indici PMI servizi febbraio, EUROZONA
  • Vendite al dettaglio gennaio, EUROZONA
  • Stima ADP nuovi posti di lavoro febbraio, USA
  • Indice ISM non manifatturiero febbraio, USA
  • Riunione di politica monetaria Bank of Canada, CANADA
  • Scorte settimanali di petrolio, USA
  • FED pubblica Beige Book, USA

Giovedì 5 Marzo

  • Ordini all’industria gennaio, GERMANIA
  • Riunione di politica monetaria BoE, UK
  • Riunione di politica monetaria BCE, EUROZONA
  • Richieste settimanali sussidi di disoccupazione, USA

Venerdì 6 Marzo

  • Produzione industriale gennaio, GERMANIA
  • PIL 4° trimestre, EUROZONA
  • Non farm payrolls e Tasso disoccupazione febbraio, USA
  • Bilancia commerciale gennaio, USA

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.