Ultima chiamata per Atene

È partita la speculazione sull’accordo in Grecia questa mattina, dopo la nuova proposta di Tsipras inviata ieri ai creditori europei.

Grecia  Greece Atene
Fonte: Bloomberg

Alla proposta ha fatto seguito anche una lunga telefonata tra il premier ellenico con Merkel, Hollande e Juncker.

Oggi sono attesi vari incontri a partire dalla tarda mattinata quando il presidente dell’Eurogruppo, Dijsselbloem, insieme a Draghi incontreranno Tsipras. Nel primo pomeriggio si terrà l’Eurogruppo, mentre in serata ci sarà il Consiglio Europeo. Insomma gli incontri previsti sembrano essere quelli delle grandi occasioni e questo alimenta le aspettative del mercato secondo cui questa di oggi possa essere la volta buona.

Oltre alla tranche di aiuti da 7,2 miliardi di euro, la Grecia potrebbe avanzare la richiesta di una ristrutturazione del debito, che preveda un mix di misure come lo slittamento delle scadenze dei debiti in scadenza e un taglio dei tassi di interesse nei prestiti bilaterali con i paesi della zona euro. Quest’ultimo punto non è trascurabile dato che potrebbe allontanare il pericolo che in autunno si torni a parlare di Atene.

Probabilmente oggi la seduta continuerà ad essere vissuta con una certa volatilità, man mano che arriveranno le prime dichiarazioni a margine delle varie riunioni. L'eventuale firma dell’accordo arriverà solo in serata, pertanto domani potremmo assistere a una prosecuzione dell’euforia che sta caratterizzando le borse europee questa mattina.

I mercati ci credono e ci sperano, ma se dovessero emergere nuove spaccature il malcontento e i timori di una Grexit dilagheranno. Gli acquisti sono diffusi su tutti gli indici azionari del Vecchio continente, mentre sul comparto governativo, la periferia è in forte spolvero e le vendite interessano solo gli asset sicuri, come il Bund. Di conseguenza lo spread BTp-Bund è tornato a riposizionarsi in area 130 punti base, dopo aver trascorso la scorsa settimana abbondantemente sopra i 150 punti base.

A Piazza Affari, il nostro Ftse Mib è tornato con prepotenza a posizionarsi sopra area 23 mila punti, toccando un massimo a 23.208 punti, ben lontano dai minimi toccati la scorsa settimana a 21.850 punti. In caso di accordo, gli operatori continuerebbero ad acquistare festeggiando lo scampato pericolo. Non escludiamo che in poche sedute potremmo arrivare a 24 mila punti (top di aprile) e da qui verso 24.500 punti, massimi di ottobre 2009. Occorrerebbe prestare cautela nel caso di una discesa sotto i 23 mila punti, mentre le vendite massicce potrebbero emergere nel caso di una rottura del supporto strategico collocato a 22.300 punti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.