FED DAY: tanto rumore per nulla

I membri del FOMC decidono di lasciare i tassi d'interesse invariati

bg_federal_reserve_1532054
Fonte Bloomberg

Da tempo predicavamo un rialzo dei tassi a dicembre. Troppo presto per le "colombe" della FED per cambiare rotta radicalmente in politica monetaria. Ieri sera il braccio armato della principale banca centrale mondiale ha deciso di lasciare i tassi di interesse nel range 0-0,25%. Il basso livello dell'inflazione statunitense, il rallentamento dell'economia cinese, la crisi dei paesi emergenti e il crollo delle quotazioni delle commodities (soprattutto del petrolio) hanno convinto i membri del FOMC ad aspettare ulteriormente prima di effettuare la prima stretta monetaria dal 2006. Nonostante le ottime indicazioni dal mondo del lavoro (tasso di disoccupazione vicino all'obiettivo del 4% ovvero il target di piena occupazione) l'economia statunitense, tenendo conto del contesto globale, non è ancora in grado di sopportare una politica monetaria restrittiva.

Il governatore Janet Yellen nella conferenza stampa successiva ai tassi ha sottolineato come la maggioranza dei componenti della commissione operativa siano intenzionati a rialzare i tassi entro fine anno. Le parole della Yellen hanno lasciato intendere che vi sia stata un ampia discussione all'interno del Board e la decisione finale sia stata quella di attendere e valutare ovvero una posizione di "wait and see". 
Ieri sono state tanto celebrate le proiezioni economiche dei membri del FOMC. Proiezioni che vengono sempre annesse ogni 3 mesi. Già da quelle pubblicate in giugno si notava che l'incremento del costo del denaro a settembre sarebbe stato molto difficile. Con l'aggravarsi della crisi dei paesi emergenti e delle loro valute e il forte rallentamento dell'economia cinese la decisione di lasciare tutto invariato era inevitabile.

Guardando una delle tabelle presenti nel materiale prospettico notiamo come ci siano grandi differenze tra i vari membri della commissione operativa sulle tempistiche e sulla direzione delle prossime azioni della banca centrale. Uno dei 17 membri del FOMC si aspetta tassi d'interesse negativi per i prossimi anni. Una politica monetaria accomodante quindi perenne senza timori per eventuali ulteriori bolle finanziarie. La mediana, invece, delle proiezioni dei componenti del Board si attesta a 0,375% a fine 2015 (ovvero un unico misero incremento dei tassi nei prossimi mesi). Per il 2016 la mediana del livello atteso dei tassi si attesta a 1,625%. Dalle proiezioni di giugno i membri del FOMC sono diventati ancora più timorosi di cambiare presto le strategie monetarie.

La "stance" accomodante della FED ha portato il dollaro a indebolirsi sui mercati valutari. Osservando il Dollar Index (paniere che misura la forza del biglietto verde contro le principali divise internazionali) si nota immediatamente la debolezza della divisa statunitense. Il cambio euro/dollaro ha guadagnato una figura dai livelli pre-annuncio (da 1,13 a 1,14 circa).

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.