Borse europee si preparano al Greferendum

Sale l'attesa del mercato in vista del referendum di domenica in Grecia.

bg_Grexit_1040970
Fonte: Bloomberg

Stando agli ultimi sondaggi le posizioni tra SI e NO sono molto vicine e la percentuale di indecisi oscilla tra il 10% e il 15%. Intanto Tsipras, in un altro intervento TV ieri, è tornato a sostenere la campagna del NO, rimarcando che un simile risultato garantirebbe alla Grecia un accordo migliore con i creditori.

Ci sono a nostro avviso dei punti del referendum che generano non poca confusione. In primo luogo, il referendum verrà condotto sulle proposte dell'Eurogruppo del 25 giugno, e non le ultime arrivate questa settimana, che mostrano una più chiara apertura a favore della Grecia.

In secondo luogo, tra i Greci non è ancora ben chiara l'idea delle possibili ripercussioni post referendum. Tsipras continua a sottolineare che il NO porterebbe a un negoziato più vantaggioso, senza mettere in risalto i rischi di una simile scelta. Sebbene la vittoria dei "NO" non si traduca con certezza matematica in un'uscita dalla zona euro, questa eventualità rimane, a nostro avviso, altamente probabile.

Ci stupisce difatti come nei sondaggi degli ultimi giorni ci sia un 70% - 80% di greci favorevoli alla permanenza nella zona euro. Perchè tanta differenza tra i due sondaggi? La differenza è troppo ampia da poter essere spiegata semplicemente con la volontà del popolo di negoziare solo un accordo migliore con i creditori. Probabilmente i greci stanno sottovalutando i rischi di una Grexit a seguito di una vittoria dei NO.

Le borse europee oggi saranno orfane di Wall Street, che sarà chiusa per pre festività (Indipendence Day domani). L'assenza degli operatori statunitensi tiene i volumi particolarmente bassi soprattutto sul forex.

Tra gli indici prevale la cautela. Il Dax oscilla intorno alla parità, Per oggi il supporto principale transita per 11.050 punti, al di sotto del quale si andrebbe verso 10.950 e poi a 10.800 punti. Indicazioni rialziste arriverebbero solo con un superamento di area 11.130 punti con primo target a 11.290 resistenza forte.

Gli esiti del referendum si sapranno solo domenica notte, pertanto, è lecito attendersi aperture in forte gap lunedì in entrambi i casi. La vittoria dei SI aprirebbe a un certa euforia con forti gap rialzisti che potrebbero portare l'indice tedesco verso 11.500 punti. L'esito negativo aprirebbe a un gap down in apertura verso 10.600 punti.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.