Quotazioni del petrolio in leggero rialzo, scorte Usa migliori del previsto

Nell'ultimo trimestre il prezzo del greggio è balzato di oltre il 90%, ma rispetto all’inizio dell’anno il barile viaggia in ribasso: colpa del coronavirus, ma anche della guerra dei prezzi tra Russia e Arabia Saudita

Dopo un inizio di sessione giù di torno, il prezzo del petrolio torna a salire grazie al dato sulle scorte di petrolio negli Stati Uniti migliori del previsto: 7,19 milioni di barili in meno nella settimana che si è conclusa il 26 giugno, laddove gli analisti ne avevano calcolati appena 710 mila e a fronte di un aumento, la settimana precedente, di 1,44 milioni.

A quanto ammontano le scorte di petrolio?

Secondo le stime dell’Eia, l’Energy information administration (il braccio statistico del Dipartimento dell’Energia Usa), si tratta del dato migliore dallo scorso gennaio, quando le scorte risultarono in contrazione di 11,46 milioni di barili, e chiude tre settimane di continui aumenti.

Solo ieri l’Api, American petroleum institute (associazione privata, al contrario dell’Eia, che fa da ombrello a circa 650 stakeholder nel settore petrolifero ed energetico) aveva riportato una contrazione delle scorte di 8,2 milioni di barili – leggermente più ottimistica, ma sulla stessa lunghezza d’onda.

Nello specifico, le giacenze nel sito di Cushing, in Oklahoma (il più importante negli States) hanno registrato un calo di 263 mila barili (meno di quanto previsto, con gli analisti ansiosi di vederle scendere di almeno 1,64 milioni); in calo anche le scorte di prodotti raffinati, che si contraggono di 593 mila unità, mentre il tasso di utilizzo delle raffinerie sale dallo 0,8% della scorsa settimana allo 0,9%.

Come si è mosso il prezzo del petrolio nell’ultimo trimestre?

Quello che si è appena concluso è un trimestre di storica volatilità per il petrolio: negli ultimi tre mesi le quotazioni del Brent sono schizzate di oltre l’80% e quelle del Wti di oltre il 90%, una performance che non si vedeva dai tempi della prima guerra del Golfo, nel 1990 (quanto il Brent balzo del 142% e il Wti del 131%).

A guidare i rialzi è stata chiaramente la pandemia di Covid-19 e il disastroso impatto sull’industria e sui trasporti che ne è derivato. Dall’inizio dell’anno, infatti, il greggio comunque si conferma in ribasso di oltre il 34%, dopo aver raggiunto minimi storici: ad aprile infatti il Wti per la prima volta nella storia ha raggiunto il territorio negativo, con il prezzo del barile sprofondato a meno 34 dollari nel momento in cui alla crisi scaturita dal Covid-19 si è aggiunta anche la guerra dei prezzi tra Russia e Arabia Saudita.

Proprio a cavallo tra il primo e il secondo trimestre dell’anno infatti Mosca e Riad hanno dato il via a una guerra al ribasso, aumentando a livelli record la produzione di petrolio dopo che la Russia aveva rifiutato di aderire al taglio della produzione - così che i paesi membri dell’Opec+ potessero pilotare il prezzo del greggio.

Secondo gli esperti del settore energetico, per quanto la pandemia di coronavirus e la guerra dei prezzi abbiano costituito un insieme di coincidenze difficilmente replicabile, non è escluso che in futuro il barile possa subire ulteriori scossoni – soprattutto in vista dei prossimi appuntamenti dell’anno: l’andamento della diffusione di Covid-19 e la ricerca di un vaccino, ma anche le elezioni presidenziali Usa di novembre e la Brexit economica, da raggiungere (accordo o meno tra il Regno Unito e l’Unione Europea a 27) entro il 31 dicembre.

Scopri come fare trading sul petrolio con IG

A quanto viaggia al momento il prezzo del petrolio?

I dati sulle scorte Usa hanno provocato un leggero aumento nelle quotazioni del greggio, con il Brent che viene scambiato in rialzo dello 0,73% a 41,57 dollari al barile, mentre il Wti viaggia sui 39,39 dollari, in rialzo dello 0,31%.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Investi sulle materie prime

Fai trading sui future delle materie prime e altri 27 mercati senza scadenza fissa.

  • Ampia selezione di principali metalli, energie e soft commodities
  • Spread a partire da 0,3 punti sull'oro spot, 2 punti sull'argento spot e 2,8 punti sul petrolio
  • Utilizza grafici continui, con storico fino a cinque anni

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.