Spotify: dopo l’avvio boom di ieri forte discesa, vendite su comparto tech

Anche Spotify segue l'andamento negativo del settore tecnologico

Spotify-IPO-Hero-1

Era stato un esordio brillante per il gruppo svedese della musica in streaming. Spotify aveva aperto la prima seduta al New York Stock Exchange a 165,90 dollari per azione con una capitalizzazione di mercato di 29,5 miliardi di dollari (il prezzo di riferimento era pari a 132 dollari), diventando la terza più grande IPO del settore hi-tech dopo Alibaba e Facebook. Una quotazione particolare per il gruppo fondato in Svezia da Daniel Ek e Martin Lorentzon. E’ stata, infatti, una vendita di azioni esistenti senza emettere quindi nuove azioni.

Il risultato straordinario di Spotify in Borsa è legato al timing della quotazione arrivata in un momento di forti turbolenze per il settore tecnologico dopo lo scandalo del Datagate di Facebook che ha appesantito i corsi di tutte le imprese del comparto. Osservando l’andamento delle ultime tre settimane Amazon ha perso il 18%, Netflix il 17%, Google/Alphabet il 15% e Apple il 10%. Ovviamente il peggiore è Facebook con la perdita di 20 punti percentuali passando da 185 dollari (valore registrato il 19 marzo) a 150 dollari.

Già ieri tuttavia il titolo dopo l’esuberante avvio ha perso terreno seguendo il debole andamento dell’intero comparto tecnologico chiudendo la prima sessione a 149 dollari per azione. L’avvio della seconda seduta a New York è ancora molto debole a 140 dollari, in forte ribasso rispetto alle quotazioni del giorno precedente ma tuttavia ancora leggermente superiore al prezzo di riferimento.

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.