Brexit

Il Regno Unito ha votato per uscire dall'Unione Europea. Quale l'impatto sui mercati finanziari?

Il punto della situazione al momento:

Il Regno Unito ha fatto ufficialmente richiesta di uscita dalla Ue, appellandosi all’art. 50 del Trattato di Lisbona. La richiesta è stata firmata dal premier britannico, Theresa May, ed è stata consegnata a mano a Donald Tusk. Questo evento segna così l’avvio dei negoziati tra la Ue e il Regno Unito, nove mesi dopo il voto del referendum. A questo punto, le due parti inizieranno una lunga fase di trattative che saranno guidate, per la parte Ue, da Michel Barnier e, per la parte britannica, da David Davis.

La durata dell’intero processo non sarà inferiore ai 2 anni e in molti temono che ci possano essere ritardi. Si tratta di un processo, infatti, incerto e ignoto a molti. I negoziati saranno tutt’altro che semplici, soprattutto perché gli interessi in gioco sono troppo importanti. Dal passaporto bancario ai traffici commerciali, passando al tema immigrazione, saranno questi i punti cardine su cui si giocherà la partita. May avrà bisogno del pieno sostegno del Parlamento per portare avanti con forza tali negoziati.

Potrebbe essere questa una motivazione che ha spinto il premier a indire le elezioni anticipate il prossimo 6 giugno. Richiesta che è stata approvata in pieno dal parlamento con ben 522 voti favorevoli e soli 13 contrari.

Tra i vantaggi di un voto anticipato, oltre che a rafforzare la propria maggioranza in Parlamento, sposterebbe la scadenza del mandato al 2022 dal 2020 attuale. Visti i ritardi attesi dai negoziati con la Ue, la May rischierebbe di arrivare al 2020 senza ancora un accordo in mano e questo potrebbe penalizzarla.

Tra le prossime tappe fondamentali vanno annoverati i due passaggi elettorali di Francia (aprile/maggio) e Germania (settembre), dato che i futuri leader parteciperanno ai negoziati. Da sottolineare che a maggio la Commissione europea pubblicherà una serie di linee guida, che dovrebbero dare indicazioni sull’evoluzione dei negoziati.

A complicare le cose sul fronte britannico, vi è il Referendum sull’indipendenza della Scozia, approvato dal parlamento scozzese. Il nuovo referendum dovrebbe tenersi tra fine 2018 o inizio 2019 e le probabilità di una vittoria, dopo il fallimento del 2014, sono molto alte alla luce del mutato contesto avutosi all’indomani del 23 giugno 2016. 

Sul fronte economico, gli effetti più concreti della Brexit potrebbero essere visibili tra qualche trimestre, dato che le imprese inizieranno a modificare i propri piani industriali, ora che il processo è iniziato.

I nostri articoli

Sterlina sotto pressione, May perde consensi
Vincenzo Longo, 26/05/2017

La sterlina perde terreno verso le principali valute mondiali dopo i nuovi sondaggi in vista del voto dell'8 giugno...

Mercati interessati

Mercati Vendi Compra Aggiornato Variazione
liveprices.javascriptrequired
GBP/USD
-
-
-
-
EUR/GBP
-
-
-
-
FTSE 100
-
-
-
-
FTSE Mid 250
-
-
-
-
Germany 30
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

I nostri video aggiornamenti

È Brexit

Il referendum sulla permanenza del Regno Unito nell'Unione Europea si è tenuto il 23 giugno 2016 con la vittoria dei sostenitori della Brexit (il termine deriva dalle parole inglesi 'Britain' e 'Exit' e si riferiva alla possibilità che il Regno Unito lasciasse l'Unione Europea).

Londra, Scozia e Nord Irlanda erano per il Remain. L'Inghilterra in generale ha votato per il Leave (53,4% contro 46,6%), così come il Galles (52,5% contro 47,5%).

Gli esperti prevedono alta volatilità sui mercati nelle prossime settimane, ma la vera domanda è 'cosa succederà dopo?', perchè l'uscita del Regno Unito dall'UE non avverrebbe prima del 2018, elemento che contribuisce ad aumentare l'incertezza sui mercati.

Cosa aspetti? Apri un conto

Aprire un conto è totalmente gratuito e in pochi minuti sarai pronto a fare trading.

Potrebbero interessarti anche...

  • Analisi di mercato

    Tutte le analisi dei nostri esperti e i dati dei mercati di tuo interesse

  • I nostri servizi

    Scopri la nostra offerta completa per fare trading con i CFD

  • Chi siamo

    Da oltre 40 anni il nostro impegno è innovare il modo di fare trading

Contattaci

Siamo disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 09:00 alle 19:00 (CET) al numero verde:

800 897582

In alternativa puoi scriverci all'indirizzo email italiandesk@ig.com